domenica 21 novembre 2021

Distributore automatico di trippa

Le città giapponesi sono caratterizzate da un numero impressionante di distributori automatici, che si possono trovare letteralmente ad ogni angolo. In tutto il Giappone infatti ce ne sono quasi sei milioni che vendono qualunque cosa: oltre a bevande e snack, negli "jidouhanbaiki" (questo il nome in giapponese) si possono acquistare per esempio anche uova fresche, ombrelli, pasticche di vitamina C, calzini (non bucati, visto che in molti ristoranti ci si toglie le scarpe), verdura di stagione, bicchierini di plastica (singoli, vuoti), cravatte o addirittura carta igienica. Non è affatto dunque una sorpresa che a Tokyo sia stato aperto un piccolo negozio che permette di acquistare trippa e frattaglie bovine ventiquattr'ore su ventiquattro.



Il locale - che si chiama Naizoo ("Frattaglie") - si trova nel quartiere di Ebisu e, curiosamente, viene presentato dall'insegna in inglese come negozio di bellezza e salute in quanto le frattaglie sono ricche di collagene e vengono viste come alimento che promuove la bellezza. Al suo interno, senza alcun commesso, distributori automatici permettono l'acquisto di piatti pronti a base di frattaglie, fra le quali anche la trippa.



Presentata in una confezione che riporta l'icona di uno stomaco (inconfondibile perché... umano), una delle preparazioni di trippa è quella all'aceto, congelata a sessanta gradi sottozero entro quindici ore dalla cottura, e quindi freschissima, ottenuta dal quarto stomaco di mucca di razza Kuroge (Wagyu per intendersi) fatta bollire con ravanelli in un brodo di bonito (tonno bianco) ed aceto di sidro di mele. Per gustarla basta (acquistarla e) scaldare la busta in acqua bollente per una decina di minuti, versarla in una ciotola e condirla con succo di limone ed una spolverata di shichimi (il "peperoncino ai sette sapori", ovvero una delle tradizionali miscele di spezie tipica delle cucina giapponese).

sabato 20 novembre 2021

Galeotto fu l'origano



I fatti di cronaca legati al menudo, la classica zuppa di trippa messicana, continuano ad occupare le testate giornalistiche americane. Il più recente "fattaccio" riguarda tale Ashley Antiveros, rea di aver portato in chiesa, da condividere con la sorella (una delle detenute che partecipavano alla messa come parte di un programma di riabilitazione sociale), una porzione di menudo ed un sacchetto contenente origano, cilantro, lime e cipolla, tradizionali condimenti da aggiungere a questa zuppa di trippa prima della degustazione. Peccato che all'ingresso della Redemption United Methodist Church di Oklahoma City qualcuno abbia confuso grossolanamente l'origano per marijuana, accusando la Antiveros di tentato spaccio di droga. Nonostante le sue rimostranze, filmate e condivise su TikTok, il menudo è stato sequestrato, assieme all'origano, e - minacciando di chiamare la polizia - la Antiveros allontanata dalla chiesa senza possibilità di appello, tranne quella di rendere pubblica questa assurda vicenda.

venerdì 19 novembre 2021

Visto e visitato

La coincidenza ha voluto che mi trovassi oggi in quel di Bergamo a soli dieci minuti di macchina dall'Hosteria del vapore che qualche giorno fa aveva pubblicato su Instagram una splendida fotografia di una delle loro proposte di antipasto, ovvero la "Tutt'altro che calamaro - trippa fritta super crunchy". Visto poi che in cima al menù svettava pure la "Oggi trippa - trippa alla bergamasca", mi capite che non ho potuto fare altro che fare una religiosa visita al locale.



L'Hosteria del vapore si trova a Carobbio degli Angeli, e più precisamente nel borgo di Cicola, nel corpo centrale del castello dei Conti Suardo. Fin dal 1870 è stata gestita dalla famiglia Berzi, oggi alla sesta generazione di osti. Il nome del locale deriva da un vecchio treno a vapore che transitava nella strada adiacente agli inizi del Novecento e che faceva tappa proprio fuori dal locale per rifornirsi di acqua e carbone. L'antica biglietteria, così come l’insegna originale (poi riutilizzata come logo del ristorante) fanno bella mostra di sé in una delle sale del locale.



La "stazione di partenza" (così viene simpaticamente presentata la selezione di antipasti) per me è stata dunque la trippa fritta, ovviamente con un calice di buon rosso. Si tratta di una preparazione alla quale sono certamente avvezzo, avendola assaggiata più volte in questi anni, ma la particolarità della "Tutt'altro che calamaro" è quella di essere stata realizzata con centopelli che per la sottigliezza delle sue lamelle favorisce l'estrema croccantezza del risultato finale.



Come "prima fermata" (ed anche la stazione di arrivo per me, visto che la porzione di trippa fritta era più che generosa) invece trippa alla bergamasca, preparata secondo tradizione. Che dire? Sicuramente ero in buona compagnia, visto che anche molti altri commensali ai tavoli vicini al mio hanno ordinato questo piatto, sostanzioso ma al tempo stesso molto delicato anche qui per l'uso del centopelli. Raspadura di formaggio ad impreziosire gusto e presentazione, e panini caldi (appena sfornati?) ad accompagnare il tutto.

giovedì 18 novembre 2021

La trippa si cuoce anche nel forno a legna

Massimo Balleari e Giuseppe Traverso, dopo aver pubblicato negli anni passati due volumi - "Il forno a legna" edito nel 1999 dalla Sagep e successivamente nel 2004 "L'antica tradizione del forno a legna" per i tipi della San Giorgio Editrice - hanno pensato di realizzare un nuovo testo sull'argomento che approfondisca tutti gli aspetti della costruzione, dell'uso e del mantenimento del forno a legna, arricchito anche da una consistente parte dedicata alle ricette frutto di una continua ricerca sviluppata negli anni, regione per regione. Dopo qualche pagina di storia, nel nuovo volume "Il libro del forno a legna" vengono affrontati gli aspetti tecnici di realizzazione di vari tipi di forni a camera unica nonché la loro gestione con riferimento agli strumenti adatti ed alle caratteristiche dei vari tipi di legna utilizzabili. Il ricettario, infine, oltre a descrivere passo per passo le diverse preparazioni è ricco di suggerimenti e di piccoli segreti ottenuti sia dall'esperienza personale che dal confronto con altri appassionati e professionisti del settore. Fra le ricette proposte, oltre a quella della trippa alla moda di Caen, che tradizionalmente le massaie portano a cuocere dai fornai locali, il libro riporta anche la quella delle trippe al forno:
TRIPPE AL FORNO

Piatto di semplice esecuzione dove gli ingredienti si mettono direttamente in teglia senza rosolatura.

1,5 kg di trippa mista, 1 kg di patate rosse, 250 ml di passata di pomodoro, 2 cucchiaini di concentrato di pomodoro, 3 cipolle medie, 4 carote, 2 gambi di sedano, 1 etto di parmigiano o pecorino, 1 cucchiaio di pinoli, 2 rametti di maggiorana, 1 bicchiere di olio extravergine d'oliva, 1 cucchiaio di aceto o succo di limone, sale e pepe q.b., peperoncino a piacere.

Portare a bollore una pentola d'acqua leggermente salata con tre carote, due cipolle, un gambo di sedano e un cucchiaio di aceto o limone e immergervi le trippe intere facendo cuocere per una mezz'ora. Nel frattempo tritare il resto dei sapori, tagliare a tocchi le patate sbucciate e lavate. Scolare la trippa e con un coltello affilato tagliarla a strisce di un centimetro di larghezza. Porre il tutto in una teglia adeguata possibilmente dotata di coperchio aggiungendo la passata, il concentrato stemperato in un mestolo dell'acqua di cottura, la maggiorana e i pinoli. Condire con l'olio e il formaggio. Infornare a 200° per un'oretta, coperta, rigirando ogni tanto poi scoprire e rifinire la cottura a vista sino a che non si formi una crosta colorita.

domenica 14 novembre 2021

La trippa diventa digitale

Nella sezione della trippa nell'arte su TroppaTrippa.com ho pubblicato l'articolo "Non-Fungible Tripe" che presenta alcune opere digitali dedicate a trippa e lampredotto protette da gettoni NFT. Il mondo dell'arte è stato uno dei primi ad utilizzare i gettoni crittografici grazie ai quali è possibile fornire prove di autenticità e di proprietà di opere digitali, che altrimenti possono essere copiate e distribuite liberamente ed in maniera non autorizzata grazie ad Internet. Clicca qui per leggere l'articolo completo.

giovedì 11 novembre 2021

Menudo bollente contro la cassiera



Ennesima notizia di cronaca nella quale la zuppa di trippa alla messicana - ovvero il menudo - è stata usata come arma d'offesa. La polizia di Temple, nello Stato americano del Texas, ha riportato la notizia di un incidente dello scorso 7 novembre in cui una cliente è stata filmata mentre lancia menudo bollente in faccia ad una cassiera all'interno del ristorante messicano locale Sol de Jalisco. Invece di accettare un rimborso o la sostituzione del cibo, inferocita dal fatto che il coperchio di plastica del contenitore si fosse sciolto nella zuppa per l'eccessivo calore, la cliente ha prima aggredito verbalmente la ragazza alla cassa e poi è passata ai fatti lanciandole addosso il menudo. Fortunatamente la zuppa di trippa si era nel frattempo intiepidita, ma le abbondanti spezie utilizzate nella ricetta di questo piatto tipico hanno causato forte irritazione agli occhi ed alle vie respiratorie della vittima. In una dichiarazione pubblicata sulla loro pagina Facebook, i proprietari di Sol de Jalisco hanno dichiarato di essere rimasti scioccati dalle azioni della cliente che è stata interdetta a vita dal locale: "La famiglia Marquez non tollera un simile comportamento".

mercoledì 3 novembre 2021

Cresce il prezzo della trippa

Secondo una notizia pubblicata sul portale irlandese di notizie agroalimentari Agriland il valore delle frattaglie bovine ha continuato a salire raggiungendo il valore di 51 centesimi di euro per ogni chilo di peso della carcassa, in costante aumento dalla fine di luglio dello scorso anno quando aveva toccato il minimo storico di 21 centesimi. Tanto per rendere l'idea, le frattaglie in un animale con una carcassa di quattrocento chilogrammi avevano un valore di 84 euro/capo nella settimana terminata il 25 luglio dell'anno scorso mentre secondo i dati più recenti, quest'anno ha raggiunto i 204 euro/capo. Limitandosi alla sola trippa, il valore delle cosiddette "white offals" (ovvero "frattaglie bianche") da un prezzo di 0,09 centesimi di euro del 23 ottobre 2020 è salito a 0,19 centesimi il 24 ottobre 2021.

giovedì 28 ottobre 2021

Trippa a Borgo San Giacomo



In occasione della Festa dei Santi, dopo la messa pomeridiana, l'Oratorio Borgo San Giacomo - situato nell'omonimo comune bresciano in via Ferrari 8 - propone trippa da asporto al modico costo di 5 euro a porzione. La trippa va ordinata prenotandola entro sabato 30 ottobre chiamando direttamente l'oratorio al 331.4664881 oppure la sig.a Luisa al 339.7479553: lunedì 1 novembre sarà poi possibile passare in oratorio a ritirare la trippa dalle ore 17 in poi.

domenica 24 ottobre 2021

Giornata mondiale della trippa



Si festeggia oggi, 24 ottobre, il World Tripe Day, ovvero la Giornata mondiale della trippa. La ricorrenza prende spunto da una chiosa di Samuel Pepys, il quale il 24 ottobre del 1662 scrisse di aver cenato con un eccellente piatto di trippa. Nato a Londra nel 1633, Pepys fu uno dei principali funzionari statali inglesi del XVII secolo passato alla storia soprattutto per il suo diario, nel quale registrò la sua vita quotidiana per quasi dieci anni.

martedì 19 ottobre 2021

Ritorna la cisrà a Dogliani



Martedì 2 novembre si rinnova a Dogliani, in provincia di Cuneo, il tradizionale appuntamento con la Fiera dei Santi e la cisrà, saporita zuppa a base di trippa, ceci e molte verdure autunnali, preparata secondo una ricetta antica (e segreta) tramandata da generazioni. Per trovare le origini della cisrà bisogna infatti risalire indietro nel tempo: si racconta che, in occasione della Fiera dei Santi, i pellegrini e i fedeli che percorrevano a piedi chilometri per partecipare alle funzioni religiose e all’ultimo mercato prima del periodo invernale, potevano rifocillarsi con una tazza calda di questa minestra offerta loro dai membri della Confraternita dei Battuti. Questa tradizione, in uso fin dal 1600, ha dato via via origine a una fiera di livello nazionale che si ripete ogni anno. Spiegano dal Comune di Dogliani:
"Dopo un anno di stop forzato a causa della pandemia, che ci ha costretto a rinunciare alla cisrà, che coinvolgeva un gran numero di cittadini e visitatori, torna il 2 novembre uno degli eventi più attesi in Langa. Abbiamo dialogato con chi da anni cura la preparazione della cisrà e abbiamo deciso insieme che non si poteva rinunciare a questo appuntamento che lega la tradizione e le persone contribuendo a creare senso di comunità. L'evento sarà gestito nel rispetto delle norme sanitarie sia con la distribuzione della cisrà da asporto, che potrà essere consumata a casa, sia in piazza sotto l'antica Ala Mercatale dove - dalle ore 8:30 del mattino fino ad esaurimento - si potrà gustare il fumante piatto accompagnato da un bicchiere di Dogliani Docg. Non mancheranno alcune interessanti proposte culturali per scoprire le bellezze artistiche, architettoniche e le curiosità storiche di Dogliani".
Dal 31 ottobre al 7 novembre poi si celebra la "Settimana gastronomica della cisrà" con possibilità di trovare questo gustoso piatto anche presso questi locali doglianesi: Il verso del ghiottone (tel. 0173.742074), Osteria Battaglino (tel. 0173.742089), Da Aldo (tel. 0173.70588), Enolocanda del tufo (tel. 0173.70692), La locanda del sorriso (tel. 0173.066351), Osteria dei Binelli (tel. 334.7546594), Osteria vineria Il torchio (tel. 366.4365793), Pizzeria ristorante La lanterna (tel. 0173.71261), Trattoria La dolce vite (tel. 380.2443530), Leon d'oro (tel. 333.5202185), Ristorante pizzeria Il faro (tel. 0173.721086), Casarico Connubio (tel. 0173.70168), Caffè della Riviera (tel. 0173.737032), Cafè de la Paix (tel. 0173.216767), Caffè 9.2 (tel. 0173.743536), Gli Aristopiatti (tel. 0173.70719, solo asporto), Gastronomia macelleria Doglianese (tel. 0173.742548, solo asporto).

lunedì 11 ottobre 2021

Moncalieri non si ferma



Non si fermano le iniziative gastronomiche a Moncalieri. Dopo il pentolone in piazza per la distribuzione della trippa è stata oggi presentata - assieme alla la Fëra dij Subièt e Sua Maestà il Bollito di sabato 16 e domenica 17 ottobre - anche l'edizione autunnale dell'Evento Diffuso Gastronomico Moncalierese, organizzato con il contributo ed il patrocinio del Comune di Moncalieri, grazie alla collaborazione di Pro Loco Moncalieri ed il supporto tecnico dell'Associazione Macellai e delle aziende moncalieresi Tripa 'd Muncalè e Salumificio del Castello. Nel novembre 2020 l'evento fu forse l'unico che potè svolgersi nonostante il lockdown, grazie al suo meccanismo semplice, che permetteva la degustazione con asporto e consegna a domicilio delle specialità che si volevano assaggiare nelle proprie case. Nel giugno e luglio ultimi scorsi si ripetè l’iniziativa con ricette dei cibi tipici moncalieresi in versione estiva, presso ristoranti, pizzerie e bistrò con stuzzicanti aperitivi all'aperto. Ora, con la nuova versione autunnale - programmata nei tre fine-settimana del 16/17, 23/24 e 30/31 ottobre - i ventuno locali aderenti presenteranno le loro ricette appositamente studiate per far risaltare le eccellenze gastronomiche moncalieresi: la trippa, il salame di trippa, il cavolfiore, ed il lardo di Moncalieri. I locali che partecipano a questa edizione dell'Evento Diffuso Gastronomico Moncalierese, tutti situati in Moncalieri (Torino), sono i seguenti: Al borgo antico (tel. 011.644455), Cà Mentin (tel. 011.19642969), Cà Mia ristorante Casa Albano (tel. 011.6472808), I mascalzoni (tel. 011.7608951), La solita solfa (tel. 011.6474493), La taverna di Frà Fiusch (tel. 011.8608224), L'elefante (tel. 011.6813220), L'Oragiusta (tel. 011.6408546), Lo Spago (tel. 011.6403275), pizzeria d'asporto 9-3/4 (tel. 011.6470213), osteria e gastronomia La cadrega (tel. 011.19764794), pizzeria Cavour (tel. 011.644004), pizzeria da Ferruccio (tel. 011.6065908), pizzeria Vesuvio (tel. 011.6404364), Prima e poi (tel. 011.2766435), Primo piano Gasthaus (tel. 339.8222337), ristorante Al 48 (tel. 011.6056810), Salsarossa (tel. 011.6062335), Tosa Restaurant House (tel. 011.6473385), trattoria Cravette (tel. 011.641694) e trattoria pizzeria Ponte Vecchio (tel. 011.642673).

domenica 3 ottobre 2021

Il pentolone che tiene viva la tradizione

È stato per me un onore tornare a Moncalieri quest'anno, dopo lo stop forzato del 2020 a causa dell'emergenza sanitaria, per prendere parte ad una edizione così "essenziale" della tradizionale Fiera Nazionale della Trippa, fortemente voluta dal sindaco Paolo Montagna e dall'assessore Angelo Ferrero. Un'edizione essenziale nella doppia accezione del termine: essenziale perché l'iniziativa ben coglie l'anima della tradizione locale (non per niente l'appuntamento è stato inserito ufficialmente fra quelli istituzionali del Comune), ma essenziale anche perché, e bastava guardarsi intorno, nell'area antistante il foro boario quest'anno non vi erano bancarelle ma solo il gigantesco pentolone, che quest'anno compariva anche nel titolo ufficiale dell'evento, appunto "Il pentolone della Fiera Nazionale della Trippa". Ed il pentolone ha fatto da fil rouge, unendo idealmente l'edizione attuale a quella prima manifestazione del 1970 che si chiamava "Il pentolone in piazza" con la trippa distribuita nel centro storico. Quello stesso pentolone che ha attraversato indenne tre decadi di storia moncalierese, scampando fortunosamente anche al tragico rogo che ha distrutto a gennaio di quest'anno gran parte dell'azienda La Tripa d' Muncalè. E questo pentolone è davvero una macchina meravigliosa. Non è una semplice "pentola grande": ha dimensioni da record, un proprio forno a legna, un suo camino, un doppiofondo che contiene olio per distribuire uniformemente il calore, e soprattutto vede un affaccendarsi di cuochi che dalle cinque di mattino fino a mezzogiorno mescolano incessantemente quintali di ingredienti per dare vita alla deliziosa trippa alla savoiarda da gustare poi tutti assieme all'ora di pranzo in occasione di questa kermesse cittadina.



Una kermesse cresciuta col tempo e diventata, grazie alla lungimiranza di Paolo e Luca Casto - che ricordiamo con grande affetto - la più importante fiera del settore che oltrepassa i confini cittadini e regionali per affermarsi come un appuntamento autunnale a livello italiano. Oltre a questo, Moncalieri ha la fortuna non solo di avere fra le sue eccellenze gastronomiche il salame di trippa, un insaccato che si può solo trovare qui, alle porte di Torino, ma anche di ospitare dal 1969 proprio una confraternita, che raccoglie l'eredità della Magnifica Consorteria dei Trippai attiva fin dal medioevo, e che si fa carico di salvaguardare e tramandare la cultura della trippa e delle sue ricette tradizionali. Come ogni anno dunque, a garantire la qualità della preparazione erano presenti numerosi rappresentanti della Confraternita della Trippa di Moncalieri, con il Gran Priore Livio Poggio che ha sancito ufficialmente l'apertura della distribuzione di trippa con il tradizionale assaggio ed il suo esperto giudizio.



Una giornata come sempre memorabile dunque, grazie all'Amministrazione Comunale, ai numerosi volontari, agli organizzatori che ci hanno regalato nuovamente l'emozione di stare insieme in piazza a degustare una scodella di trippa fumante, ed alla coordinatrice dell'evento, Alessandra Bellino Roci dell'agenzia DieciCento Comunicazione, che da dietro le quinte ha gestito con professionalità l'aspetto pubblicitario e la logistica di tutto l'evento. L'appuntamento è al prossimo anno sempre immancabilmente il primo fine settimana di ottobre: vale la pena segnarselo fin da adesso sul calendario.

sabato 2 ottobre 2021

Sir Lampredotto



C'è Messer Lampredotto e Sir Lampredotto: il primo è un ristorante a Prato dal nome che è tutto un programma e che ancora devo visitare, l'altro invece è un piatto del ristorante torinese Touberi, locale caratterizzato da un menù (estivo) tutto a base di patate al forno, condite con gusto e fantasia. Trovandomi in zona per partecipare alla Fiera Nazionale della Trippa di Moncalieri, non potevo farmi sfuggire l'occasione di mangiare lampredotto anche decisamente fuori casa, abbastanza meravigliato di averlo trovato così lontano dai confini tradizionali. Ho quindi ordinato il "Sir Lampredotto", una patata "con lampredotto toscano dop e salsa verde fiorentina". L'abbinamento di lampredotto e patate è un classico, anche se la patata qui la fa da protagonista. La salsa verde aveva il pregio di pendere anche sul piccante, il che non guasta mai.



Dopo il breve escursus tra i sapori familiari ho chiuso infine volentieri con qualcosa di locale, ovvero tre mini-cannoli guarniti con salsa al barolo chinato e ripieni di crema di ricotta al bunet (il budino con amaretti tipico della pasticceria piemontese). Ed il tutto senza spendere una follia: lampredotto, birra e dolce, venti euro tondi tondi.

venerdì 1 ottobre 2021

Completa la tua collezione con gli sconti al 50%



Anche quest'anno in occasione della Giornata mondiale della trippa del 24 ottobre sarà possibile completare la propria collezione acquistando tutti i Quaderni di TroppaTrippa.com a metà prezzo (5 euro invece di 10). Per usufruire dell'offerta basta visitare la pagina speciale ed esclusiva, non raggiungibile dal sito di TroppaTrippa.com. L'offerta è valida fino a fine mese e come sempre le spese di spedizione sono incluse.

lunedì 27 settembre 2021

Domenica appuntamento a Moncalieri



Il sindaco Paolo Montagna, e l'assessore al commercio e alle fiere Angelo Ferrero hanno presentato oggi ufficialmente nella Sala dei Matrimoni del Comune di Moncalieri la manifestazione "Il pentolone della Fiera Nazionale della Trippa di Moncalieri" edizione 2021. La Fiera è un appuntamento molto atteso dalla popolazione ed è un evento istituzionalizzato che si colloca ogni anno il primo fine settimana di ottobre nel panorama fieristico autunnale della città alle porte di Torino. Quest'anno lo fa con un'edizione che punta dritto al cuore della Fiera e rende protagonista assoluto il pentolone, famoso per contenere quintali di trippa cucinata fin dalle prime ore dell'alba e poi distribuita a chi ne desidera assaggiare la bontà. La kermesse ha un valore importante per la cittadinanza e la sua organizzazione rappresenta una delle sinergie che si compiono a Moncalieri tra istituzioni, realtà territoriali ed eccellenze gastronomiche. Questa nuova e particolare edizione della Fiera si svolgerà questa domenica, 3 ottobre, nell'area del Palaexpo con il patrocinio ed un contributo economico dell'Amministrazione comunale.



Il programma prevede: (ore 11:30) cerimonia di inaugurazione del pentolone della Fiera Nazionale della Trippa di Moncalieri, alla presenza delle istituzioni civili e militari; (ore 12) assaggio della trippa da parte della Confraternita dla Tripa e delle istituzioni civili; (ore 12:30) distribuzione della trippa alla cittadinanza. L'evento proseguirà fino ad esaurimento della trippa nel pentolone. Quest'anno mancheranno le tradizionali bancarelle di contorno ma sono stati predisposti tavoli e panche per degustarla anche seduti in loco. Parte della trippa verrà data in beneficenza al Banco Alimentare, associazione che - attraverso la sua rete di assistenza - distribusce i pasti ricevuti a persone in difficoltà.