mercoledì 25 dicembre 2013

Muuu... on Natale!

A tutti i lettori di Troppa Trippa Blog, i più cordiali auguri di Buon Natale.

venerdì 20 dicembre 2013

Tripla trippa da collezione

Ecco l'occasione per acquistare una pubblicazione da collezione: questo quaderno di TroppaTrippa.com, stampato in edizione limitata, contiene in un solo volume le prime tre edizioni della collana, ovvero "Ricette italiane di trippa", "Ricette francesi di trippa" e "Ricette col lampredotto". Questo quaderno speciale di "tripla trippa" fuori commercio viene offerto agli appassionati del quinto quarto ad un prezzo speciale di 15 euro, spese di spedizione incluse (fino ad esaurimento scorte). Clicca qui per acquistarlo.

mercoledì 11 dicembre 2013

I trippai di Maurice Bompard

Nella sezione della trippa nell'arte su TroppaTrippa.com ho pubblicato un articolo su "I trippai di Maurice Bompard", esponente di spicco dell'Orientalismo pittorico francese dell'Ottocento. Clicca qui per leggere l'articolo completo.

sabato 7 dicembre 2013

Troppa Trippa del 1998 in vendita su eBay

Una copia originale della ristampa del primo volume "Troppa Trippa" del 1998, esaurito da anni, è apparsa oggi in vendita su eBay Italia. Il volume, come riporta la scheda, è in "ottime condizioni; normali segni di usura e tempo" ed è in vendita al prezzo di 13 Euro (più spese di spedizione postale). Nelle sue quasi duecento pagine contiene la storia dei trippai dall'antichità ad oggi, tantissime ricette, curiosità sulla trippa, notizie sulle confraternite italiane e straniere per la promozione della trippa nel mondo, la trippa nella poesia, nella letteratura e nei fumetti, modi di dire e proverbi sulla trippa e molto altro ancora.

martedì 3 dicembre 2013

Riaperto l'export di trippa verso il Giappone

Una recente missione in terra nipponica di un contingente irlandese composto da rappresentanti dell'industria di lavorazioni carni e del dipartimento dell'agricoltura, ha avuto il successo sperato, riaprendo di fatto l'esportazione di trippa verso il Paese del Sol Levante. A seguito delle trattative intraprese dagli irlandesi, le autorità giapponesi hanno infatti revocato il divieto di importazione di frattaglie e carne bovina europea in vigore dal 2001 a seguito dell'epidemia di mucca pazza. Tremila tonnellate, per un valore di oltre dieci milioni di euro, sono i numeri della riapertura del commercio di carne e frattaglie tra le due nazioni. Il Giappone è il più grande mercato asiatico per l'esportazione bovina con un'alta domanda per trippa e frattaglie.

sabato 30 novembre 2013

Il pericolo è il mio mestiere

Chi lo avrebbe mai detto che la professione di trippaio nasconde mille insidie e mille pericoli? Dopo l'attentato a quello di piazza de' Nerli, e l'incendio doloso in piazza Tanucci ecco che la cronaca del quotidiano "Corriere Fiorentino" riporta di un incidente che ha distrutto il chiosco del trippaio di via Gioberti:
Firenze, 26 novembre 2013 - "Oh Marco! Ma ti hanno rubato il furgone?". Impossibile, per chi passa abitualmente da via Gioberti, non accorgersi di quel vuoto di fronte alla farmacia Bargioni di una delle strade più note dello shopping in città. Marco Bolognesi, titolare del chiosco, allarga le braccia e risponde ai due automobilisti: "Macché, l'ha distrutto un camion". Nelle prime ore del mattino è stato rimosso da un carro attrezzi e nella piazzola rimangono solo gli sgabelli. Erano circa le sei del mattino quando, nel silenzio della strada, un camion è finito contro il furgone-tripperia sfasciandolo: "Stavamo facendo le pulizie" - racconta Bolognesi - "come sempre. Per fortuna non ero dentro al chiosco, poteva finire male". Quanto ai danni, invece, il bilancio sembra serio: "Distrutto, praticamente da buttare" conclude il titolare.

lunedì 18 novembre 2013

Trippa in tutte le salse alla fiera di Peveragno

Come tutti gli anni, torna a fine novembre a Peveragno, in provincia di Cuneo, la Fiera di Sant'Andrea. Dal 21 al 25 novembre dunque appuntamento con questa tradizionale rassegna enogastronomica piemontese che prevede menù caratteristici a base di trippa. Da oltre sei secoli la fiera è una delle occasioni per riunire contadini e commercianti, per stare insieme e fare festa. Il programma prevede (giovedì 21) apertura dei festeggiamenti con la Confraternita della Trippa di Villanova Mondovì, ed occasione per poter gustare a cena salame di trippa con salsa rustica, timballo di trippa, zuppa di trippe, trippe in umido alla ligure e trippe alla parmigiana; (venerdi 22) festa della birra con birra a caduta in barili di legno direttamente dalla Germania, cena tipica bavarese e musica dal vivo; (sabato 23) serata gastronomica con menù di pesce ed intrattenimento musicale; (domenica 24) mercatino di prodotti tipici locali, pranzo col Gran Minestrone di trippa e trippe alla parmigiana, danze occitane, esposizione di presepi presso la Confraternita di Santa Croce; (lunedì 25) tradizionale Fiera agricola con distribuzione di coüpete e caldarroste. In tutti ristoranti menù a base di trippe. Per prenotazioni ed ulteriori informazioni rivolgersi al 389.9879578 chiedendo di Rosy.

giovedì 14 novembre 2013

lunedì 4 novembre 2013

Doppia trippa per San Martino


L'associazione La Funicolare (tel. 0174.552192, fax 0174.551568), in collaborazione con l'Associazione Commercianti e con il patrocinio del Comune di Mondovì e della Camera di Commercio di Cuneo, confortati dal grande successo ottenuto nelle passate edizioni, ripropongono domenica 10 novembre 2013, dalle ore 9 alle 18, la tradizionale Fiera di San Martino. A partire dalle ore 12,30 sarà possibile degustare sia il minestrone di trippe che la cisrà di Dogliani, assieme ad altre antiche ricette accompagnate da un buon bicchiere di vino Dogliani e dolcetto delle Lange Monregalesi. "In piazza Maggiore" - spiega Domenico Mantella, promotore della manifestazione - "la sera precedente l'11 novembre incominciavano ad arrivare carri di porri, cavoli, patate, rape e quanto altro si coltivava nelle campagne circostanti: si preparava la Fiera dì San Martino, l'ultima occasione per fare provviste prima dell'arrivo della neve e del freddo". Sino ai primi anni sessanta, quando ancora non esistevano i moderni mezzi e sistemi di conservazione, la Fiera costituiva l'occasione propizia per le provviste necessarie al periodo invernale. In piazza Maggiore tornano dunque protagonisti i più rinomati prodotti ortofrutticoli locali: dal porro di Cervere al cardo gobbo di Nizza Monferrato, dal fagiolo di Badalucco alla piattella canavesana, dalla rapa di Caprauna al peperone di Carmagnola, dalle mele della Garzegna e della Valle Bronda, alle patate della Bisalta ed alle carote di San Rocco Castagnaretta. Non solo trippa quindi, ma anche l'occasione per festeggiare una tradizione antica che mette a disposizione dei visitatori il meglio dei prodotti tipici del Piemonte.

martedì 29 ottobre 2013

Incendiato il chiosco del trippaio

Dopo l'attentato di qualche anno fa al trippaio di piazza de' Nerli, ecco un altro atto criminoso ai danni di un noto lampredottaio fiorentino, come riportato nella cronaca del quotidiano "La Nazione":
Firenze, 28 ottobre 2013 - Sarebbe doloso l'incendio che ieri ha distrutto il chiosco di panini in piazza Tanucci: è emerso dall'indagine dei carabinieri, ancora in corso. Sul posto stati ritrovati sul luogo una scala e della benzina. Indiscrezioni riportano che il proprietario del chiosco avrebbe litigato con qualcuno. A dare l'allarme erano stati ieri, intorno alle cinque di notte, alcuni residenti della zona, svegliati da un boato. Sul posto erano subito intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri, ma non era stato possibile arginare le fiamme che hanno completamente distrutto la struttura. Fortunatamente, nessun ferito. I danni economici sono però ingenti.

mercoledì 23 ottobre 2013

Pubblicità di trippa a quattro ruote

Le esportazioni di frattaglie nell'America del Sud sono in questi ultimi anni aumentate notevolmente ed il Peru è uno dei Paesi responsabili di questa crescita che gli esperti del settore hanno etichettato come "fenomenale": si parla di oltre quindicimila tonnellate all'anno fra trippa, fegato, cuore e polmone. Da qualche giorno la U.S. Meat Export Federation, in collaborazione con il principale importatore locale - la ditta Halema - ha pensato di stimolare ulteriormente l'appetito dei trenta e passa milioni di peruviani, affiggendo coloratissime pubblicità sui camion che giornalmente distribuiscono carne e frattaglie nei negozi di tutto il Paese. Sette di questi veicoli così decorati gireranno non solo dunque per le strade della capitale Lima, ma anche nelle cittadine limitrofe e nelle campagne, percorrendo più di trentamila chilometri, ed esibendo suggestive immagini dedicate ai piatti locali, tra i quali anche il cau cau, una delle ricette tradizionali di trippa della cucina criolla.

martedì 22 ottobre 2013

Fine settimana dedicato alla cisrà


Il 2 e 3 novembre, l'Ufficio turistico di Dogliani invita i visitatori a partecipare alle manifestazioni dedicate alla cisrà, la tradizionale minestra di trippe e ceci che anticamente veniva distribuita dalla Confraternita dei Battuti alle genti di Langa. La novità dell'edizione 2013 è la proposta di un fine settimana in provincia di Cuneo tutto all'insegna della cisrà e dell'enogastronomia dell'eccellenza. La manifestazione si apre sabato 2 novembre con la distribuzione della cisrà, realizzata secondo un'antica ricetta ed accompagnata da Dogliani Docg (dalle 9 alle 18, o fino ad esaurimento delle scorte, sotto la tensostruttura riscaldata di piazza Martiri della Libertà). La degustazione continua in serata con l'Itinerario dell'enovago, con cisrà servita in tre delle più prestigiose cantine del territorio insieme a piatti tipici, al ritmo di coinvolgenti spettacoli. Durante la settimana gastronomica della cisrà verranno anche proposti piatti legati alla tradizione e all'uso dei tagli poveri nella cucina di Langa presso vari ristoranti locali. Domenica 3 novembre pranzo della Cisrà con i prodotti eccellenti della gastronomia piemontese, in un'ambientazione elegante ed accurata: il pranzo (prezzo 25 euro) è su prenotazione fino al 2 novembre chiamando i numeri 0173.70210 oppure 0173.70107. Anche quest'anno sarà infine possibile acquistare la scodella con il decoro della manifestazione, nella quale viene tipicamente servita questa minestra di trippe e ceci.

domenica 20 ottobre 2013

Ecco la poesia vincitrice

È Mirna Serni Casalini con la sua opera "Cibo da marciapiede" la vincitrice del concorso nazionale sulla trippa "T'amo, o pio bove" indetto quest'anno per la prima volta dall'Accademia della trippa:
CIBO DA MARCIAPIEDE
Da Sanfrediano scendeva i' garzoncello
con i' triciclo, la merce ni' cestello.
A squarciagola, baritono tenore,
cantava la su' merce, i' su' sapore:
"I' semelle ce l'ho co' i' lampredotto!!
Gronda sapore, che gli è appena cotto!!"
Cibo. Pe' strada la gente lo mangiava,
così su i' marciapiede si saziava,
in barba all'Asle, che però non c'era,
bensì c'era la fame, quella vera.
In lingua inglese l'han nobilitato,
"street food" da gente Vippe incoronato.
Su' tavoli stellati ha gran successo,
lo credo bene, qua nessuno è fesso!
Reclaman a gran voce i' lampredotto,
bramosi di gustar quel piatto ghiotto,
ambito al par del campanil di Giotto,
come s'avesser vinto un terno al lotto!
- Mirna Serni Casalini
Il concorso di poesia ha come scopo quello di valorizzare, salvaguardare e promuovere la trippa, la sua storia e le sue ricette. Le altre due opere classificate assieme alle poesie segnalate dalla giuria si trovano nella pagina dei risultati sul sito dell'Accademia della trippa.

Offal Offal Experience a Reno

Nell'ambito della seconda edizione di Reno Bites, settimana gastronomica durante la quale sarà possibile esplorare il panorama della ristorazione nella capitale americana del Nevada, il ristorante Campo (50 North Sierra Street, Reno, Nevada 89501, tel. 775.737.9555) propone per martedì 22 ottobre la serata delle frattaglie "Offal Offal Experience". Lo chef Mark Estee preparerà specialità difficili da trovare, tra le quali anche la trippa. La cena ha un prezzo fisso di 60 dollari, è aperta a soli cinquanta commensali, ed include abbinamento al calice.

sabato 19 ottobre 2013

Trippa e cipolle per il re inglese

Fra gli articoli su TroppaTrippa.com ne ho pubblicato uno intitolato Trippa e cipolle per il re inglese nel quale si riporta una indiscrezione di uno chef londinese sul principe di Galles.

Chiamali scemi...

Un articolo pubblicato sul sito Cap News riporta una curiosa ricerca scientifica effettuata in un centinaio di uffici secondo la quale gli impiegati mangiano qualunque cibo venga lasciato gratis a disposizione di chi passa. Fra questi avanzi anche la trippa, con tanto di cartello "Mangiami!", che è scomparsa dal tavolo della mensa in meno di un'ora.
STUDY: OFFICE WORKERS
WILL EAT LITERALLY ANYTHING

A new study out of the Pew Research Center shows that the average American office worker will eat anything put in front of him or her, as long as it's free of charge. The study, conducted surreptitiously at more than 100 offices across the country, presented office workers with such meals as haggis, tripe and soft-boiled fetal duck, which is considered a delicacy in Vietnam and the Philippines. In each case, the meal was left in a well-traveled area (lunchroom, conference room, on a file cabinet, etc.) along with a sign such as Tripe - Please Eat! "The results were fascinating," said Dr. Francis Spitznagel of the Pew Center. "No matter what the time of day, in every case, the dish was clean in less than an hour." [...] In the second phase of the study, food was left without any type of identifying sign. "And we made sure it was also completely unrecognizable as foodstuff," said Dr. Spitznagel, noting that in one case they left a metal pot full of the pink meat paste used to make chicken nuggets - also known as mechanically separated poultry - along with a spoon and a stack of Styrofoam bowls. "It was gone in an hour and a half," said Spitznagel. [...] By contrast, when even very desirable food, like Godiva chocolates or filet mignon, was put out with a sign asking for a small donation - say, 50 cents or a dollar - the food was almost universally ignored, except by people who would take it without paying. Then, when the snacks had turned hard and grey, the donation sign would be removed and the food would be gone within hours.

venerdì 18 ottobre 2013

Trippa sacrificata a Karachi


Questa settimana, anno 1434 del calendario islamico, i musulmani di tutto il mondo festeggiano la ricorrenza chiamata Eid, che celebra l'episodio nel quale Allah chiese ad Abramo di sacrificare il proprio figlio. Nel corso dei due giorni di solennità religiose saranno immolati almeno cento milioni di capi di bestiame, dieci dei quali nel solo Pakistan. Dopo gli scioperi dell'anno scorso, il sindaco di Karachi ha assicurato quest'anno che gli scarti degli animali sacrificati saranno prontamente rimossi. Mentre la carne degli animali viene divisa in tre parti - una va alla famiglia alla quale appartiene l'animale, una a parenti, amici e conoscenti, ed una terza parte viene data ai poveri e bisognosi - le frattaglie, trippa compresa, vengono infatti abbandonate ai lati della strada.

giovedì 17 ottobre 2013

Un nuovo trippaio a Firenze



Da meno di un mese ha aperto a Firenze, per gli amanti del cibo di strada, un nuovo trippaio. Il banchino si trova in viale Edmondo De Amicis, nella zona dello stadio comunale, di fronte alla negozio di ferramenta Rulli, ed è posizionato nella parte verde che divide il viale da via Lungo l'Affrico. "I' trippaio di Firenze" - così si chiama questa nuova attività - rimpiazza lo storico bancarellaio che vendeva frutta e verdura. Se vi trovate in zona, non mancate di assaggiare il lampredotto che Claudio sapientemente prepara (e portategli un saluto da parte mia).

mercoledì 16 ottobre 2013

Trippa fritta al ristorante St. John


Trippa nella cuffia, fritta e presentata con una ciotola di salsa ketchup artigianale dallo chef del ristorante St. John nella via omonima, regno indiscusso di Fergus Henderson (autore del rinomato libro "The complete nose to tail"): quando sono a Londra non posso farmi mancare una visita per godermi la trippa del giorno nel tempio delle frattaglie. Già che c'ero mi sono gustato anche blood cake and fried eggs, un delicatissimo roventino di sangue di maiale (quant'era che non mangiavo un roventino!), alto circa un centimetro, ed accompagnato da uova affrittellate. E scusate se è poco.

martedì 15 ottobre 2013

Involtini di lampredotto e zucchini

Ecco un'altra gustosa ricetta che Leonardo Romanelli - giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo - ha proposto sul suo blog "Quinto quarto", quella di involtini di lampredotto e zucchini, che qui ripubblico per l'acquolina in bocca di tutti:
Ingredienti per 6 persone: 600 grammi di lampredotto, 6 fette di mortadella, 12 fette piccole di fontina, 3 zucchini, sale fino, pepe nero, 100 grammi di farina, 2 decilitri di olio extravergine di oliva, un rametto di rosmarino, 3 spicchi di aglio, 2 decilitri di vino bianco, 500 grammi di pelati, un mazzetto di prezzemolo. Tagliare il lampredotto in dodici fette ed appiattirle con il batticarne. Su ognuna di esse disporre mezza fetta di mortadella e una fetta di fontina. Unire poi gli zucchini tagliati a bastoncini finissimi. Salare e pepare leggermente. Arrotolare il lampredotto e chiuderlo con degli stuzzicadenti. Infarinare gli involtini così ottenuti e farli rosolare in padella con l'olio, assieme agli spicchi di aglio schiacciati e il rosmarino. Sgrassare il fondo di cottura e bagnare con vino bianco. Appena il vino è evaporato, togliere la carne dal fuoco e tenerla in disparte al caldo. Aggiungere i pelati passati e farli bollire a fuoco moderato, insaporendoli con sale e pepe. Quando risulteranno ristretti, unire di nuovo gli involtini e lasciarli cuocere per qualche minuto. Servirli cosparsi di prezzemolo tritato.

sabato 12 ottobre 2013

La trippa del Povero Diavolo



Trippa in umido in una preparazione dello chef Pier Giorgio Parini del ristorante e locanda Povero Diavolo di Torriana (Rimini). Sabato 19 ottobre si tiene presso questo locale emiliano la prossima tappa dei meeting di Altissimo Ceto, aperta ai soli titolari del colub esclusivo di Viaggiatore Gourmet. Per informazioni basta contattare eventi@altissimoceto.it o telefonare allo 02.303124307 oppure al 348.2911188.

domenica 6 ottobre 2013

Quattro ricette australiane di trippa

Fra gli articoli su TroppaTrippa.com ne ho pubblicato uno intitolato Quattro ricette australiane di trippa nel quale si riportano le preparazioni finaliste di un concorso indetto nel 1950 dal quotidiano "The Courier-Mail".

venerdì 4 ottobre 2013

Trippa d'autunno a Spino d'Adda

Domenica 13 ottobre la Pro Loco di Spino d'Adda, in provincia di Cremona, organizza presso la Cascina Carlotta la festa del tradizionale appuntamento autunnale per trascorrere un pomeriggio all'aperto, con musica, ballo e tante altre simpatiche cose. Si inizia a mezzogiorno con trippa, stracotto d'asino e pizzoccheri, oltre a rane e pesciolini fritti. Ricco il programma del pomeriggio, con musica e danze, ed ovviamente caldarroste, sangria, salamelle ed altro, a partire dalle 14,30. Alle 15 concorso della torta bertolina (una torta a base di uva americana, dal sapore di fragola, tipica della zona cremasca) che vedrà premiate le tre migliori torte. Alle ore 16 una novità per Spino: la dimostrazione di cani guida per non vedenti a cura del Lions Club Gera d'Adda Viscontea. Durante tutta la giornata si potrà visitare la mostra fotografica "Donne del Novecento a Spino" che rappresenta un piccolo omaggio alle donne locali che con la loro presenza hanno animato il secolo scorso. Spino d'Adda si trova sulla strada statale 415 Paullese, a metà strada tra Milano e Crema. Per informazioni rivolgersi al 339.5953221.

venerdì 27 settembre 2013

In dirittura d'arrivo il concorso sulla trippa

È in dirittura d'arrivo il primo concorso nazionale sulla trippa "T'amo, o pio bove". Se ancora non lo avete fatto, orsù inviate immantinente i vostri componimenti poetici sanza indugio alcuno. La data di scadenza per la presentazione di stornelli da fornelli, carmi di carni, tenzoni dei panzoni, terzine in terrine, o altre rime letterarie baciate (e gustate) è lunedì 30 settembre.

martedì 24 settembre 2013

Trippaio d'Egitto

Il banchino di un trippaio egiziano, in una foto scattata stamattina nel souk (mercato) di Fuwa, una cittadina sulle rive del Nilo a circa cento chilometri da Alessandria. Una delle ricette tradizionali di trippa locali - la Kirsha bel Habahan - viene preparata con bacche di cardamomo, alloro e grano non decorticato; una preparazione semplice ma che ben figura fra quelle raccolte nel quaderno delle "Ricette africane di trippa".

martedì 10 settembre 2013

Il lampredotto di Millelemmi

Il video della canzone "Lampredotto" che il rapper fiorentino Millelemmi ha dedicato al rinomato panino nel suo ultimo album "Coltellaha". Classe 1981, da mezza vita dedito alla rima, Millelemmi, che di nome fa Francesco, è come lui stesso si definisce un "lirista di sfogo e di scavo, tracciante di segno e di sogno; introspaziale, intimistico, futudrastico".

domenica 8 settembre 2013

Trippa da Felitto ad Old Forge


È passato più di un secolo da quando un gruppo di famiglie del paesino di Felitto, nei pressi di Salerno, decise di emigrare in America in cerca di fortuna. Si stanziarono ad Old Forge, in Pennsylvania, ma le radici con la madrepatria sono rimaste ben salde, e come tutti gli anni, è in pieno svolgimento il Felittese Festival organizzato dalla Felittese Association in concomitanza con i festeggiamenti che dal 1790 si tengono a Felitto, in Italia, nello stesso fine settimana in onore della Madonna di Costantinopoli. La trippa - ben trecento chili preparati secondo la ricetta della signora Angelina Cusumano Giglio - fa parte del menu del Festival Filittese americano, assieme a gnocchi, porchetta, salsicce e peperoni, pasta e fagioli, pizza fritta, cannoli ed alle immancabili polpette di carne così care allo stereotipo dell'italo-americano. Alla manifestazione gastronomica si affianca una corsa podistica, la Santa Messa della domenica, la processione con la statua della Madonna, e quest'anno anche una visita personale di Sid Michaels Kavulich, candidato per le elezioni a Rappresentante di Stato del 114° Distretto.

sabato 7 settembre 2013

Polpette di trippa su crema di melanzane

Il giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo Leonardo Romanelli ci regala un'altra ricetta sul suo blog "Quinto quarto", quella di gustose polpette di trippa su crema di melanzane, che qui ripropongo:
Ingredienti per 6 persone: 600 grammi di trippa di vitello tritata, 250 grammi di patate lessate, un mazzetto di prezzzemolo, 3 uova, sale, noce moscata, pepe nero, 100 grammi di parmigiano, una cipollina fresca, 150 grammi di farina, 1 litro di olio extravergine di oliva. Per la salsa: 500 grammi di melanzane, 2 spicchi di aglio, un mazzetto di prezzemolo, 4 dl di olio di oliva, 200 grammi di pomodori freschi, 30 grammi di burro, 1/2 litro di latte. Amalgamare bene la trippa tritata con le patate passate al passaverdure a fori sottili, il sale, il pepe e la noce moscata. Aggiungere il prezzemolo e la cipollina fresca tritati finemente, e rendere il composto omogeneo, unendo le uova, una per volta ed infine il parmigiano grattugiato. Conservare il tutto in frigorifero. Intanto, a parte, tagliare le melanzane a cubetti piccoli, tritare l'aglio e il prezzemolo e metterli a rosolare in una padella con parte dell'olio. Salare leggermente e, appena l'aglio comincia ad imbiondire, aggiungere le melanzane. Pepare leggermente, far stufare per circa dieci minuti, quindi terminare la cottura a fuoco basso. Con il latte, il burro e 30 grammi di farina preparare la besciamella, unirvi le melanzane sgrassate e mescolare velocemente con una frusta. Lasciare in disparte al caldo. Con l'impasto della trippa, formare delle piccole palline nel palmo della mano, passarle nella farina e friggerle nell'olio extravergine di oliva di oliva. Servirle ben calde, direttamente sulla crema di melanzane, decorate con il pomodoro tagliato a cubetti.

giovedì 29 agosto 2013

Beato a mollo nella trippa


Nell'ultima puntata dell'edizione britannica del "Grande Fratello", andata in onda qualche giorno fa, i concorrenti hanno dovuto affrontare una prova che i tabloid inglesi hanno subito definito "raccapricciante": un bagno in sostanze disgustose e repellenti. Sette vasche di acciaio, sistemate in giardino, sono state riempite rispettivamente con anguille e polpi, latte andato a male, riso e curry, vermi ed ovviamente non poteva mancare la trippa, che appare spesso nelle sfide televisive. I concorrenti, tutti personaggi famosi a livello nazionale, sono quindi dovuti restare immersi nella propria vasca per parecchi minuti. La modella Sophie Anderton è stata la prima a lamentarsi; lo stesso non si può dire dell'ex giocatore di calcio Ron Atkisons, perfettamente a suo agio nella sua vasca di trippa. Gli ideatori della prova televisiva avrebbero potuto facilmente guadagnarsi il nostro rispetto semplicemente utilizzando tradizionali vasche da trippaio con un velato ma arguto riferimento alla storia locale. Invece nulla. Magari neanche sanno che i bagni nella trippa, usati in maniera dispregiativa solo per suscitare ribrezzo nei telespettatori, pare siano addirittura salutari.

mercoledì 21 agosto 2013

Concorso nazionale di poesia sulla trippa


Clicca qui per leggere il regolamento completo

L'Accademia della Trippa, in collaborazione con TroppaTrippa.com, indice il primo Concorso nazionale di poesia "T'amo, o pio bove". Il concorso ha lo scopo di valorizzare, salvaguardare e promuovere la trippa, la sua storia e delle sue ricette. I partecipanti sono invitati ad inviare una o più poesie su trippa, lampredotto, quinto quarto, busecca o qualunque altra preparazione a base di trippa bovina. Le poesie, in lingua italiana, dovranno essere inoltrate all'Accademia della Trippa accompagnate dai propri dati anagrafici entro e non oltre il 30 settembre 2013. L'ammissibilità delle poesie al concorso sarà sottoposta a giudizio insindacabile di una giuria di esperti, composta da tre membri designati dalla Accademia della Trippa, che valuterà tutte le poesie pervenute. La giuria designerà i primi tre classificati ai quali saranno consegnati i seguenti premi:
• Premio per il primo classificato: buono acquisto Amazon.it (valore di 50 euro), oppure cinque libri a scelta della Collana I Quaderni di Troppa Trippa (valore 50 euro).
• Premio per il secondo classificato: tre libri a scelta della Collana I Quaderni di Troppa Trippa (valore 30 euro).
• Premio per il terzo classificato: un libro a scelta della Collana I Quaderni di Troppa Trippa (valore 10 euro).

lunedì 19 agosto 2013

Sagra della trippa a Massa

Da martedì 20 agosto a domenica 25 agosto ritorna a Massa la "Sagra della trippa" giunta alla sua venticinquesima edizione ed organizzata dalla Parrocchia di San Pio X. Gli stand gastronomici saranno aperti per accogliere gli appassionati di trippa nostrana. Ma non c'è solo trippa nel programma estivo massese: ogni serata sarà allietata da eventi canori, balli, musica e tanto sano divertimento all'insegna dell'accoglienza e della condivisione. Le manifestazioni che si concluderanno sabato 7 settembre con la messa in scena di una commedia in dialetto dal titolo "La guerra dei carrelli".

domenica 18 agosto 2013

La trippa europea torna in Vietnam

La Commissione Europea ha rilasciato questa settimana un comunicato che annuncia la ripresa delle esportazioni di trippa e frattaglie europee verso il Vietnam. Dopo più di tre anni cadrà dunque l'embargo sull'importazione di frattaglie dall'Europa che la nazione asiatica aveva introdotto nel luglio del 2010, in piena violazione delle regole della World Trade Organization, l'organizzazione mondiale del commercio. Uno dei piatti tradizionali per i quali il Vietnam va giustamente famoso è la zuppa "pho" con vermicelli di riso e trippa: a partire dal prossimo 1 settembre questa delicatezza locale potrà dunque tornare ad essere preparata anche con ingredienti importati dal Vecchio Mondo.

mercoledì 14 agosto 2013

Centopelli con vongole e pancetta

Sul suo blog "Quinto quarto" Leonardo Romanelli ha recentemente pubblicato una ricetta di centopelli con vongole e pancetta, che qui ripropongo:
Ingredienti per 6 persone: 600 grammi di centopelle, due spicchi di aglio, un peperoncino, un mazzetto di prezzemolo, 150 grammi di pancetta, 800 grammi di vongole, 1 dl di vino bianco, 2 dl di olio extravergine di oliva, sale fino, pepe nero. Tritare finemente l'aglio, il prezzemolo e il peperoncino e farli rosolare in tegame con l'olio. Appena il soffritto è pronto unire le vongole, farle aprire con un goccio di vino bianco, quindi unire il centopelle tagliato a listerelle. Lasciarlo insaporire per quindici minuti, dopo aver unito sale e pepe, quindi aggiungere la pancetta. Far cuocere ancora cinque minuti e servire. Ricorda da lontano un piatto classico portoghese come la carne alla "alentejana", dove alle vongole si unisce il maiale. Molto particolare come ricetta, adatta a coloro che amano rischiare.

mercoledì 7 agosto 2013

2064: l'anno del labpredotto

Come cambierà il panino al lampredotto nel prossimo futuro? C'è da chiederselo seriamente dopo che a Londra, due giorni fa, nel corso di una conferenza stampa è stato cotto e consumato il primo hamburger in provetta, realizzato dal team di ricercatori capitanati dal professor Mark Post dell'Università olandese di Maastricht nell'ambito del progetto "Cultured Beef". Dopo lunghi anni di ricerche Post è riuscito a mettere a punto una tecnologia innovativa che gli ha permesso di prelevare cellule staminali dal muscolo di un bovino, coltivarle in laboratorio per trasformarle, nel giro di tre mesi, in ventimila filamenti di tessuto muscolare, da cui è stato poi sintetizzato l'hamburger, per ora costituito solo da proteine anche se il prossimo passo sarà quello di ottenere cellule di grasso. Sapientemente cotto dallo chef Richard McGeown, questa "polpetta in provetta" - costata la bellezza di duecentocinquantamila euro (interamente finanziati da Sergey Brin, uno dei fondatori di Google) - è stata assaggiata senza smorfia alcuna da due volontari: la scienziata nonché critica gastronomica Hanni Rützler e lo stesso professor Mark Post. Secondo gli esperti del settore questa tecnologia rappresenta un modo per rispondere in maniera ecologica e sostenibile alla crescente domanda di carne (destinata a raddoppiare entro il 2050) e promette di rivoluzionare il settore alimentare: serviranno meno animali e questo abbasserà l'inquinamento (produrre un chilo di manzo libera nell'atmosfera la stessa quantità di gas di una macchina che percorra duecentocinquanta chilometri), l'uso di terreno per coltivazioni intensive per l'alimentazione dl bestiame, ed il consumo di acqua (ne servono 15.500 litri per un chilo di manzo), con un risparmio sul consumo mondiale di energia del 70%.

domenica 28 luglio 2013

Pizza con trippa e ricotta

È proprio vero che "la tradizione siciliana si veste di nuove idee" come ci ricorda lo chef Ciro Pepe del ristorante pizzeria La Veranda (via Pellingra 18/20, 90036 Misilmeri). Misilmeri, a circa quindici chilometri da Palermo, è un luogo ricco di cultura e tradizioni, anche in campo culinario. Di generazione in generazione, da circa trenta anni, la famiglia Ocello custodisce il patrimonio gastronomico locale, ponendosi come baluardo contro il dilagare del cibo-spazzatura. In tal senso lo chef del ristorante, un vero "artigiano del gusto", riesce a trasmettere ai clienti la propria passione per la cucina, per i prodotti locali e genuini ma anche per la ricerca di sapori e di accostamenti nuovi come la pizza con trippa e ricotta. "Il nostro fine è quello di rendere felici chi si siede alla nostra tavola, creando una piacevolissima sensazione al palato, che ricordi appieno i sapori di una volta ma con i gusti di oggi".

sabato 27 luglio 2013

La trippa apre le porte all'esportazione

Sebbene le frattaglie siano raramente presenti sui menu dei ristoranti americani, rappresentano una delicatezza ricercata da Paesi stranieri come Egitto, Giappone, Peru e Messico. Secondo le stime della U.S. Meat Export Federation, l'organismo statunitense che controlla il commercio di carne con l'estero, le frattaglie hanno rappresentato nel 2012 il 28,4% del volume totale delle esportazioni di carne, un valore di oltre 703 milioni di dollari su un totale di cinque miliardi e mezzo di dollari complessivi, nuovo record per l'export di carne bovina negli Stati Uniti. La domanda di mercato delle frattaglie si basa quasi interamente sul commercio con l'estero: più del 75% della produzione di trippa, per esempio, viene importata dal Messico e dalle nazioni del Sudest asiatico. E le frattaglie giocano anche un importante ruolo nell'aprire nuovi mercati: spesso le nazioni straniere hanno una quota ben precisa che limita la quantità di carne bovina che può essere importata, ma questa non comprende le frattaglie che servono dunque da "apripista", soprattutto quando i Paesi non possono permettersi di acquistare tagli di carne di prima scelta ma sono invece favorevoli all'acquisto di proteine a basso costo.

lunedì 15 luglio 2013

El bekbouka

Sul sito di TroppaTrippa.com ho pubblicato la ricetta algerina di El bekbouka, un tipico piatto di trippa speziata, a compendio del volume "Troppa trippa: ricette africane di trippa".

sabato 22 giugno 2013

Zuppa di trippa, patate e pancetta

Leonardo Romanelli ha pubblicato sul suo blog "Quinto quarto" una ricetta per una zuppa di trippa, patate e pancetta, che qui ripropongo:
Ingredienti per 6 persone: 500 g di trippa di vitello, 1 cipolla bianca, 1 carota, 1 costola di sedano, 1 spicchio di aglio, un mazzetto di prezzemolo, 1 peperoncino, 100 g di pancetta, 300 g di patate, 1 litro e 1/2 di brodo di carne, 1 dl di olio extravergine di oliva. Tritare finemente la carota, il sedano e la cipolla e farli rosolare in una casseruola con l'olio, salando e pepando in abbondanza. Unire in seguito l'aglio schiacciato ed il peperoncino e portare a completa rosolatura. Aggiungere la trippa tagliata a listerelle, farla insaporire qualche minuto, quindi bagnare con vino bianco. Appena la parte alcolica è evaporata, unire la pancetta e le patate tagliate a cubetti, far insaporire ancora, quindi bagnare con il brodo ben caldo. Portare a cottura, unendo alla fine del prezzemolo tritato. Si può servire con fette di pane tostato.

martedì 18 giugno 2013

Trippa tossica in Cina

Una notizia recentemente giunta dalla Cina segnala il sequestro di oltre due quintali e mezzo di trippa trattata con formaldeide. Il fattaccio - dopo i precedenti in Vietnam e negli Stati Uniti d'America (ma si ha notizia di sequestri anche in Italia) - è successo nel mercato di Haining, cittadina di poco più di mezzo milione di anime, nota come la capitale cinese del cuoio e della pelle. La polizia locale ha sguinzagliato oltre cento vigili che hanno effettuato rigorosi controlli in più di trenta rivendite, sequestrando oltre due quintali e mezzo di trippa nella quale era stata riscontrata la presenza di formaldeide, sostanza tossica che può provocare il cancro. Sette tra fornitori e rivenditori sono stati arrestati ed un laboratorio artigianale per la sbiancatura della trippa è stato smantellato.

domenica 16 giugno 2013

Trippa meccanica

La trippa come apparato digerente aveva già fatto un'apparizione al museo, ma ecco ora che diventa una macchina di Robe Goldberg nell'interpretazione dell'artista cinese Nova Jiang che ci permette di seguire le fasi della digestione dal rumine al lampredotto. Si dicono "macchine di Rube Goldberg" quei meccanismi progettati in maniera deliberatamente complessa per eseguire operazioni semplici o trascurabili; il nome si deve all'omonimo disegnatore, che utilizzava le sue conoscenze ingegneristiche per proporre macchinari di questo genere in molti dei suoi lavori.

martedì 11 giugno 2013

sabato 8 giugno 2013

Mini-guida ai trippai fiorentini

Sul sito della rivista "Firenze Made in Tuscany" è stata pubblicata una mini-guida fotografica ai trippai di Firenze nella sezione "Best of". La rivista è legata al territorio che circonda una delle più belle città del mondo e ne racconta gli eventi, le mode del momento e le tendenze che provengono dalle capitali internazionali; presenta interviste a personaggi del mondo della moda, dello spettacolo, dell'imprenditoria e dello sport legati a Firenze, notizie e approfondimenti su eventi culturali e mondani, ma anche le recensioni sui migliori alberghi, ristoranti, negozi e mostre. La rivista, patinata e in doppia lingua (italiano e inglese) è diventata il punto di riferimento per i fiorentini e per chi desidera visitare la città: scoprire i luoghi nascosti, frequentare i ristoranti più particolari, i negozi alla moda.

venerdì 7 giugno 2013

È uscito il nuovo Troppa Trippa!

"The 99 recipe book" (in lingua inglese), a cura di Indro Neri, Collana I Quaderni di TroppaTrippa.com n. 5, ISBN-10: 0-9842169-4-4, ISBN-13: 978-0-9842169-4-9, Aerostato, Seattle 2013, 24 pagine, Prezzo 10 Euro. Clicca sull'immagine per acquistare il libro.

giovedì 30 maggio 2013

Sagra della trippa a San Giovanni in Galdo

Oggi e domani venerdì 31 maggio torna a San Giovanni in Galdo, in provincia di Campobasso, la tradizionale Sagra della trippa e pizza di granone, che viene organizzata come ogni anno in occasione dei secolari festeggiamenti in onore di Maria Santissima Incoronata. La sagra apre l'estate di San Giovanni in Galdo, ricca di appuntamenti e di prelibatezze. Un gruppo di volontari prepara e vende la trippa, rossa o bianca, la pancetta arrosto, la pizza di farina di mais (granone) condita con alici o pancetta fritta, bruschette di pomodoro; il tutto innaffiato da buon vino rosso. Maggiori dettagli sulla sagra possono essere richiesti telefonando al 328.1464117 oppure allo 0874.461308.

venerdì 3 maggio 2013

C'è andata bene

Il sito americano Huffington Post ha recentemente pubblicato la classifica dei cibi più disgustosi. Inutile sottolineare che la trippa è sempre stata considerata dai "non credenti" un cibo di scarto, e quindi è bastato scorrere la lista per trovarla. Stavolta c'è andata bene però, con la trippa nella cuffia soltanto in sesta posizione preceduta da musetto di maiale, cuore d'anatra, cervello, testina di agnello e, primo in classifica, il cuore di cavallo crudo che una delle protagoniste di "A game of thrones" - libro dello scrittore George Martin ora diventato una serie televisiva sul canale HBO - divora nel corso di una cerimonia rituale della comunità Dothraki.

giovedì 2 maggio 2013

Zuppetta di trippa con cannellini e parmigiano


La zuppetta di trippa con cannellini e parmigiano di 22 anni in una preparazione dello chef Massimo Spigaroli del ristorante della Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (Parma). Sabato 4 maggio si tiene presso questo locale emiliano la prossima tappa dei meeting di Altissimo Ceto: il prezzo di 150 euro a persona comprende il menù-degustazione ed il percorso di abbinamento al calice. Per prenotazioni o informazioni, visti i posti limitati a esaurimento, scrivete subito a eventi@altissimoceto.it o telefonate allo 02.303124307 oppure al 348.2911188.

venerdì 19 aprile 2013

Perle ai porci

Alessio Bottini ha intervistato Giovanni Gulino, il cantante del quintetto siculo-sardo-milanese MartaSuiTubi, gruppo che ha incuriosito e sorpreso tutti all'ultima edizione del Festival di Sanremo. Il gruppo musicale ha tenuto recentemente un concerto presso l'auditorium Flog di Firenze e nell'occasione ha presentato al pubblico fiorentino l'album "Cinque, la luna e le spine". Nel pezzo di venerdì 5 aprile - apparso sul quotidiano online di Firenze e provincia IlReporter.it ed intitolato "I Marta, le spine e il lampredotto" - si leggono tra l'altro anche queste domande:
Che rapporto avete con Firenze?
Ci abbiamo suonato molte volte ormai, ma una città la conosci meglio quando non ci devi suonare, perché hai più tempo per visitarla. Qualche anno fa ci sono stato per un paio di settimane e l'ho trovata una città splendida. Però ho notato che ci sono pochi fiorentini!

E riguardo alle specialità gastronomiche fiorentine, cosa pensano i MartaSuiTubi del lampredotto?
Con il lampredotto abbiamo avuto una brutta esperienza qualche anno fa. Eravamo incuriositi, ma al baracchino cominciarono a guardarci schifati quando chiedemmo del ketchup e della maionese. Il proprietario deve aver pensato "Sto dando perle ai porci". Diciamo che apprezziamo molto di più la ribollita e la fiorentina: il lampredotto è davvero off-limits per noi.

sabato 13 aprile 2013

Aperta su Facebook la pagina ufficiale di TroppaTrippa

A fine marzo ho aperto su Facebook la pagina ufficiale di TroppaTrippa. Facebook è un servizio di rete sociale lanciato nel febbraio 2004. Fondato da Mark Zuckerberg a Cambridge negli Stati Uniti, è il secondo sito più visitato al mondo, preceduto solo da Google. Disponibile in oltre 70 lingue, conta circa un miliardo di utenti attivi che effettuano l'accesso almeno una volta al mese. Chiunque può accedere al sito previa una registrazione gratuita, durante la quale vengono richiesti dati per la creazione di un profilo personale. Completata la registrazione è possibile includere altri utenti nella propria rete sociale, aggiungendoli come amici, e scambiarsi messaggi, anche via chat, incluse notifiche automatiche di tutte le novità.

sabato 30 marzo 2013

Meno hamburger, più lampredotto

"Meno hamburger, più lampredotti" si legge in questa scritta apparsa su un muro di Scandicci, in provincia di Firenze, e catturata nello scatto fotografico di Aldo Cavini Benedetti. Pur non condonando l'atto vandalico in sé, fa piacere vedere che, in una galassia neanche troppo lontana, i ribelli si oppongono all'avanzata del malvagio Impero Galattico del fast food.

lunedì 18 marzo 2013

Trippa di vitello da latte con gamberi rossi della Sicilia


Trippa di vitello da latte con gamberi rossi della Sicilia, in una preparazione dello chef Paolo Gatta del ristorante Pascia di Invorio (Novara). Sabato 23 marzo si tiene presso questo locale piemontese la prossima tappa dei meeting di Altissimo Ceto: il prezzo di 120 euro a persona comprende il menù-degustazione ed il percorso di abbinamento al calice. Per prenotazioni o informazioni, visti i posti limitati a esaurimento, scrivete subito a eventi@altissimoceto.it o telefonate allo 02.303124307 oppure al 348.2911188.

giovedì 14 marzo 2013

Un lampredotto da provare

Leonardo Romanelli ha recentemente pubblicato sul suo blog QuintoQuarto una presentazione del lampredotto alla diavola della Vecchia Osteria del Nacchero, articolo che qui ripropongo volentieri:
IL LAMPREDOTTO ALLA DIAVOLA
DELLA VECCHIA OSTERIA DEL NACCHERO
Quando si parla di piatti non "politically correct" ci si riferisce a quelli che hanno un impatto deciso con chi li mangia ovvero, niente di elegante e sfumato, anzi! Il lampredotto alla diavola della Vecchia Osteria del Nacchero a Firenze, risponde in pieno a questi requisiti: non fa parte della tradizione storica della cucina fiorentina, poiché il peperoncino non era usato in maniera così copiosa, ma certamente dà l'idea della pietanza che non ammette concessioni stilistiche all'eleganza. La lessatura del lampredotto avviene secondo i classici canoni, ovvero acqua e tutti gli odori dove viene tuffata la frattaglia che cuoce a lungo, per ammorbidire e aromatizzare la carne. Dopo, un trito abbondante di peperonino e qualche erba aromatica fa partire un soffritto dove crogiola il lampredotto: il risultato è quello di un cibo che non guarda in faccia nessuno, anzi vuole vedere il commensale in faccia, dove il pane non è accessorio ma parte integrante del pasto,che stimola le papille gustative in maniera epocale. Conviene per quel pasto non mangiare altro e meditare a lungo sul concetto di piccantezza!

sabato 9 marzo 2013

Rustico e tutto fiorentino!

Il bar gastronomia ristorante della Società Cooperativa Agricola di Legnaia (via Baccio da Montelupo 180, 50142 Firenze, tel. 055.7358277) propone per venerdì 22 marzo alle ore 20 una cena rustica e tutta fiorentina con pennette al lampredotto e rosetta con lampredotto e salsa verde. Il prezzo della serata - che è a buffet illimitato e comprende acqua ed un bicchiere di vino a persona - è di quindici euro a persona. Le prenotazioni sono obbligatorie e chiuderanno al raggiungimento dei cento commensali.

giovedì 7 marzo 2013

Trippa e popcorn

Fra gli articoli su TroppaTrippa.com ne ho pubblicato uno intitolato Trippa e popcorn nel quale si trova una insolita preparazione americana, tra l'altro ottenuta da zuppe in scatola, dal gusto discutibile.

martedì 5 marzo 2013

La trippa di St. John

Di passaggio a Londra non ho perso l'occasione oggi per recarmi nel tempio delle frattaglie, quel ristorante St. John (26 St. John Street, London, EC1M 4AY), regno indiscusso dello chef Fergus Henderson, autore del libro "The complete nose to tail" e vero cultore del "non si butta via nulla" rinomatissimo in tutta la Gran Bretagna. Dal menu odierno del bar - ma c'è anche una saletta ristorante per pranzo e cena - ho scelto "tripe, carrots and bacon", ovvero trippa con carote e pancetta. Il delizioso piatto si è presentato appetitoso fin dall'inizio, guarnito com'era da crescione. Proposta in maniera elegantemente semplice, la trippa così preparata era impreziosita da una salsa cremosa alla senape ed il tutto risultava brodoso ma non troppo: un piatto veramente delizioso per il quale è valsa la pena sorbirsi quaranta minuti di metropolitana.



Non solo la trippa ma anche il locale val bene una visita. Aperto nell'ottobre del 1994, il ristorante è stato ricavato all'interno di un edificio adibito all'affumicatura di carne di maiale proveniente dal vicino Smithfield Market, smokehouse che prima di essere abbandonata è rimasta in funzione fino al 1967.

domenica 24 febbraio 2013

Trippa a sfare ad Ugnano

Domenica 10 marzo l'associazione socioculturale della Casa del Popolo di Ugnano (via di Ugnano 69, Firenze‎, tel. 055.787.4572) organizza un pranzo sociale con "trippa a sfare, vino a iosa e poi i' che ci pare". Il prezzo della cena è di 11 euro con prenotazione obbligatoria presso il bar della Casa del Popolo. Ugnano si trova al confine occidentale del Quartiere 4 di Firenze, quasi in prossimità della località Badia a Settimo nel Comune di Scandicci, a circa due chilometri dall'uscita di Firenze/Scandicci dell'autostrada A1 e si può raggiungere anche con l'autobus 44 dell'Ataf.

giovedì 21 febbraio 2013

Involtini di trippa

Ecco una gustosa ricetta per involtini di trippa ricevuta dall'amico Carmine Dell'Angelo, che chiosa "sicuramente il modo migliore con il quale ho assaggiato la trippa":
Rettangoli di trippa (20cm x 10cm) possibilmente cruda, formaggio pecorino, prezzemolo, pepe, aglio, sale.
Stendere i rettangoli di trippa. Cospargere sopra il trito di prezzemolo e aglio, aggiungere il formaggio, il sale ed il pepe. Arrotolare e legare a mo' di involtino. Cuocere in acqua salata. Provare la cottura con uno stuzzicadente. A cottura ultimata, lasciare raffreddare e tagliare a fettine sottili. Condire con limone e prezzemolo (ottima come antipasto) oppure può essere tagliata in fette doppie, più spesse, e servita insieme ad un sugo al pomodoro e una foglia di lauro (come secondo). Buon appetito!

domenica 17 febbraio 2013

Trippa per la bisbetica di Shakespeare

Nella sezione della trippa nella letteratura su TroppaTrippa.com ho pubblicato l'articolo Trippa per la bisbetica di Shakespeare, con testo originale ed un commento illustrato alla terza scena del quarto atto della commedia "La bisbetica domata".

Terzo VernaTrippa a Vernazzola


Anche quest'anno, e per la terza volta, il Club Sportivo Urania della frazione di Vernazzola, nel Comune di Vernazza (Genova), organizza alle ore 20 di sabato 23 febbraio il "VernaTrippa TroppaTrippa". Saranno accettate adesioni sino al completamento dei posti disponibili. Per prenotarsi basta rivolgersi ai seguenti numeri telefonici: 010.385624 Cs Urania, 347.3010828 sig. Roberto, 339.7756719 sig. Alberto. Il Club Sportivo Urania è nato il 1 ottobre del 1926, quando un gruppo di giovanotti si unì per fondare una società che avviasse una sana pratica sportiva. Questi ragazzi possedevano una barca e una canna da pesca, da qui l'idea di dedicarsi a due delle attività sportive marittime tipiche di questo angolo della Liguria.

domenica 13 gennaio 2013

Fried tripe

Nella sezione delle ricette internazionali di TroppaTrippa.com ho pubblicato la ricetta statunitense di fried tripe, ovvero trippa fritta con burro alla senape, una semplice e gustosa preparazione tratta da un quotidiano del 1912.

Quaranta anni di busecca

Domenica 20 gennaio appuntamento nel Vercellese per l'apertura del tradizionale Carnevale di Borgosesia. Il Carnevale di Borgosesia festeggia quest'anno i 160 anni di Mercu Scûrot, la tradizione più antica e partecipata dai cittadini ed i 40 anni di "Busecca in piazza", il pranzo inaugurale di ogni carnevale ed una delle manifestazioni più apprezzate e colorite dell'intero programma. L'edizione del carnevalone sarà quindi dedicata interamente a celebrare questi due eventi, pur se mancheranno molti dei mastodontici carri di cartapesta a causa della ristrutturazione dei capannoni cittadini. Quest'anno in piazza Mazzini vi sarà una gigantesca ruota panoramica celebrativa a disposizione di tutti, ed ancora una volta non mancheranno gli appuntamenti più sentiti e vissuti dagli appassionati come la "Busecca in piazza", che accoglierà centinaia di cittadini per degustare oltre settemila porzioni del piatto tipico del Carnevale di Borgosesia e che aprirà i battenti alle 11.30 con la cerimonia di assaggio da parte delle maschere locali Peru e Gin. A mezzogiorno e mezzo di domenica 20 gennaio possibilità anche di partecipare, su prenotazione (tel. 328.7596719), al quarantesimo "Gran pranzo della busecca" presso il Centro Pro Loco. Nell'ambito del carnevale non mancheranno come di consueto le sfilate che ancora una volta animeranno il centro cittadino in un turbinio di colori e di suoni, per allietare grandi e piccini; in particolare, alla terza e conclusiva sfilata, tornerà in piazza Mazzini, dopo oltre 25 anni di assenza, la grandiosa battaglia dei mandarini, dove le compagnie posizionate sui palchi fissi sfideranno gli intraprendenti partecipanti alle sfilate a colpi di agrumi. E poi ancora i fantastici e grandiosi veglioni, adatti ad ogni tipo di pubblico; i giorni del "Magunella Bierfest"; la riproposta del "Ballo dei bambini"; il Bimbo Day durante l'iniziativa "Oggi mi vesto come mi pare". E poi ancora la serata teatrale, e per finire la centosessantesima edizione del Mercu Scûrot, la più famosa e sentita tradizione di Borgosesia, che dopo un secolo e mezzo è sempre più grande e pittoresca. Il Carnevale di Borgosesia si aprirà ufficialmente il 20 gennaio per concludersi il 13 febbraio.

giovedì 10 gennaio 2013

Trippa grigia ai porri

Trippa grigia ai porri, in una preparazione dello chef Gian Piero Vivalda del ristorante Antica Corona Reale da Renzo di Cervere (Cuneo). Lunedì 14 gennaio si tiene presso questo locale piemontese la prossima tappa dei meeting di Altissimo Ceto: il prezzo di 150 euro a persona comprende il menù-degustazione ed il percorso di abbinamento al calice. Per prenotazioni o informazioni, visti i posti limitati a esaurimento, scrivete subito a eventi@altissimoceto.it o telefonate al 348.2911188.