giovedì 29 agosto 2013

Beato a mollo nella trippa


Nell'ultima puntata dell'edizione britannica del "Grande Fratello", andata in onda qualche giorno fa, i concorrenti hanno dovuto affrontare una prova che i tabloid inglesi hanno subito definito "raccapricciante": un bagno in sostanze disgustose e repellenti. Sette vasche di acciaio, sistemate in giardino, sono state riempite rispettivamente con anguille e polpi, latte andato a male, riso e curry, vermi ed ovviamente non poteva mancare la trippa, che appare spesso nelle sfide televisive. I concorrenti, tutti personaggi famosi a livello nazionale, sono quindi dovuti restare immersi nella propria vasca per parecchi minuti. La modella Sophie Anderton è stata la prima a lamentarsi; lo stesso non si può dire dell'ex giocatore di calcio Ron Atkisons, perfettamente a suo agio nella sua vasca di trippa. Gli ideatori della prova televisiva avrebbero potuto facilmente guadagnarsi il nostro rispetto semplicemente utilizzando tradizionali vasche da trippaio con un velato ma arguto riferimento alla storia locale. Invece nulla. Magari neanche sanno che i bagni nella trippa, usati in maniera dispregiativa solo per suscitare ribrezzo nei telespettatori, pare siano addirittura salutari.

Nessun commento: