mercoledì 28 ottobre 2020

Tempo da trippa!



Il bollettino metereologico per la contea di Bexar, nello Stato americano del Texas - con un annuncio pubblicato su Twitter - prevedeva per lunedì 26 ottobre "condizioni da menudo" con tanto del simbolo di ciotole di zuppa sulla mappa che mostrava le temperature in calo su tutta la regione. La tipica zuppa di trippa, di origine messicana ma ormai ben nota anche nel sud degli Stati Uniti, è conosciuta come un toccasana dopo una notte di baldoria, ma anche una pietanza calda e corroborante che permette di affrontare anche il freddo più intenso. Secondo il National Weather Service americano il fine settimana sarà soleggiato anche se le temperature dovrebbero continuare a rimanere al di sotto della norma.

sabato 24 ottobre 2020

Frattaglie mon amour



Il ristorante L'Oste di Calenzano, in provincia di Firenze, ed Aurelio il re del lampredotto organizzano per venerdì 30 ottobre il gran galà del quinto quarto "Frattaglie mon amour", una accattivante degustazione di sette portate con piatti a base di frattaglie cucinata a quattro mani dallo chef Gabriele Andreoni e dal trippaio fiorentino di piazza Tanucci Marco Giangrasso. Il menù propone lampredotto tartufato (e già è un bell'inizio), cipolla ripiena di cervello alla brace e acetosella, lingua al pepe verde e scarola, millefoglie di collagene (una terrina di matrice, nervetti e musetto, carpaccio di lingua, cavolo cappuccio all'aceto e brodo di lampredotto), rigatoni poppa pepe e lime, insalatina di centopelli e giardiniera di verdure, testina arrotolata in salsa all'aringa e cime di rapa, e per finire neccio di farina di castagne con ricotta di pecora e melograno. Il costo è di 30 euro a persona. La prenotazione è obbligatoria chiamando il 333.1003967. Trenta i posti disponibili.

venerdì 23 ottobre 2020

Tutti i quaderni di Troppa Trippa al 50%



Il 24 ottobre si festeggia la Giornata mondiale della trippa. Per celebrare questa ricorrenza visitando la pagina speciale ed esclusiva, non raggiungibile dal sito di TroppaTrippa.com, sarà possibile completare la propria collezione acquistando tutti i Quaderni a metà prezzo (5 euro invece di 10). L'offerta è valida fino a fine mese e come sempre le spese di spedizione sono incluse.

lunedì 19 ottobre 2020

Frattaglie per cena



Tommaso e Francesco - cugini, amici e soci uniti dalla passione per la buona cucina toscana tradizionale - propongono per martedì 20 ottobre una cena a base di frattaglie presso la loro trattoria Lo stracotto, situata a Firenze nei pressi delle Cappelle Medicee, nella splendida cornice di piazza Madonna Aldobrandini. Il menù comprende crostini con carrettiera di lampredotto, polpettine di trippa e carpaccio di poppa, trippa alla fiorentina, lingua ripassata in padella, panino al lampredotto con salsa verde. Il prezzo a persona è di venticinque euro, bevande escluse. Gli interessati possono prenotarsi chiamando lo 055.2302062.

sabato 17 ottobre 2020

Sembra facile



Trippa fritta. Sembra facile, invece quella gustata oggi al Mercato centrale di Firenze allo storico chiosco di Bambi trippa e lampredotto è innegabile che nasconda una preparazione studiata nei minimi dettagli. Non si tratta infatti soltanto di friggere una listerella di trippa nell'olio bollente: dietro si cela l'esperienza generazionale di Giacomo che - seguendo un attento processo di cottura, asciugatura e quindi una passata nella farina di riso - da qualche sabato ci restituisce un piccolo insolito capolavoro di gusto e semplicità.



Semplice anche nel condimento - solo sale e pepe - ma una ricetta per niente banale, che ben fa da contraltare fiorentino a simili ricette più elaborate della tradizione francese.

lunedì 12 ottobre 2020

Il lampredotto vien di notte


Venerdì 16 ottobre presso Il Bucaniere Pub di Castellanza, in provincia di Varese, il chiosco I' baracchino propone il "Panino al lampredotto in notturna": dalle sette di sera alle due del mattino sarà possibile gustare il panino al lampredotto preparato da Luca Farina che dal 2012 si adopera per far conoscere e diffondere in Lombardia prelibatezze quali il lampredotto e la trippa, simboli del cibo di strada toscano. La prenotazione è obbligatoria (tel. 379.1498048).

giovedì 8 ottobre 2020

Salgono a dieci le figurine della trippa



Salgono a dieci le figurine della trippa, una iniziativa editoriale che si affianca al sito ed ai Quaderni sempre per divulgare la cultura della trippa e le sue curiosità. L'album si arricchisce dunque di altri quattro speciali figurine da collezione che non si possono al momento acquistare ma vengono inviate omaggio comprando uno dei quaderni di TroppaTrippa.com. Una galleria che mostra quanto pubblicato si trova qui e verrà arricchita in futuro da nuove figurine. Cliccando su ciascuna figurina si accede all'articolo che offre maggiori dettagli sull'argomento legato a ciascuno di questi modesti "biglietti da visita" del quinto quarto.

giovedì 1 ottobre 2020

sabato 26 settembre 2020

Trippa e champagne

Un altro pianeta. C'è la trippa alla fiorentina - che, nella sua casalinga spontaneità per carità nessuno ci tocchi - e poi ci sono le intepretazioni artistico-culinarie dello chef Andrea Perini che venerdì 25 settembre al ristorante Al 588 di Bagno a Ripoli, sulle colline intorno a Firenze, ha stupito e deliziato tutti i partecipanti all'evento "Trippa e champagne" con preparazioni che hanno solleticato i sensi solo al leggerne il menù: dalla crocchetta ai cappelletti, dagli gnocchetti al dessert finale anche questo a base di trippa.
Nella splendida cornice del borgo rinascimentale I Vicelli - riportato all'originale splendore ed ora prestigioso resort tra le colline del Chianti che ospita il ristorante - la serata si è aperta con la presentazione del quaderno "Trippa & pasta" di Leonardo Romanelli, per poi proseguire con le sette portate, ciascuna in perfetto abbinamento al calice con due percorsi separati di assaggi di champagne Bouché e Jacquinot & Fils (premium oppure vintage) distribuiti da Harmonium, con una selezione studiata ad hoc dal sommelier Giacomo Carri.
Lo chef Perini ha anche giocato sulla varietà utilizzando trippa proveniente da razze bovine differenti per ciascun piatto. Ecco il menù nel dettaglio:
Insalatina di trippa di Calvana
Crocchetta di trippa di Scottona e parmigiano
Gnocchetti di trippa di Charolaise, patate, nocciole, tartufo e caprone
Cappelletti ripieni di cacio, pepe e trippa di Chianina in brodo di pomodoro arrosto, acciughe e olive disidratate
Coccino di trippa di Romagnola in bianco con fonduta di pecorino
Rollè di soprassata di manzo, trippa di Limousine e susine
Frittella di riso, cuore caldo di trippa di Pezzata Rossa, crema di vermouth e fichi

venerdì 18 settembre 2020

Trippa universale

Bella, bellissima, anzi la più bella dell'universo. E adora la trippa. La modella sudafricana Zozibini Tunzi, eletta Miss Sudafrica 2019, nello stesso anno ha vinto il titolo di Miss Universo superando le altre ottantanove concorrenti nella finale della la sessantottesima edizione del concorso di bellezza dell'8 dicembre ad Atlanta, negli Stati Uniti. È stata la terza sudafricana a vincere questo concorso.



Dopo aver trascorso diversi mesi lontana dalla patria, recentemente Zozibini è tornata in Sudafrica condividendo sul suo profilo Instagram una foto mentre cucina all'aperto nella tradizionale pignatta il suo piatto preferito, la trippa, e commentando "Anche se per poco tempo, essere a casa propria è sempre una rigenerazione dell'anima".

martedì 15 settembre 2020

Lampredotto nel varesotto



Domenica 20 settembre dalle 18:30 il Camaleonte Bar di Busto Arsizio, in provincia di Varese, organizza il "Lampredotto Day", una serata dedicata alla Toscana: dalle sei e mezzo del pomeriggio fino alle undici e mezzo di sera sarà possibile gustare il panino al lampredotto preparato da Luca Farina del chiosco I' baracchino che dal 2012 si adopera per far conoscere e diffondere in Lombardia prelibatezze quali il lampredotto e la trippa, simboli del cibo di strada toscano. La prenotazione è consigliata (tel. 351.5440154).

lunedì 14 settembre 2020

La trippa di Pollyanna

Nella sezione della trippa nella letteratura su TroppaTrippa.com ho pubblicato l'articolo "La trippa di Pollyanna", un classico della letteratura per ragazzi, scritto dalla statunitense Eleanor Hodgman Porter nel 1913, nel quale viene citata la trippa.

domenica 6 settembre 2020

Trippa fritta a Montemignaio

Di tutto mi sarei aspettato meno che di trovare la trippa in un ristorante a Montemignaio, un paesino di poco più di cinquecento anime in provincia di Arezzo in piena zona rinomata piuttosto per i funghi porcini, a qualche chilometro dal passo della Consuma. Eppure oggi a pranzo da "I fratellini da Rosario" con immenso piacere scorrendo il menù mi sono accorto che servivano anche trippa fritta.



Ma cosa ci fa la trippa in questo locale immerso nella natura incontaminata del Casentino? Il mistero è stato presto svelato dalla gentilissima cameriera: l'antica osteria di montagna "Da Rosario" ha riaperto dal 5 giugno scorso sotto la nuova gestione dei proprietari della trattoria "I fratellini" di via Ghibellina a Firenze, esercizio storico fiorentino aperto nel 1958 da Guido Bigazzi assieme appunto ai suoi due fratelli. Il menù dell'osteria paesana ripropone dunque alcuni dei piatti che si trovano nella trattoria cittadina: dai tortelli di patate al ragù di anatra ai pici con quello bianco di cinta senese, ed anche trippa fritta - presenza fissa sulla carta casentinese - che a Firenze viene servita con maionese fatta in casa e salsa verde. La trippa fritta di Montemignaio era croccante alla perfezione, non unta, e tenera al punto giusto. Dopo il doveroso applauso, adesso non resta che andare a fare una degustazione-confronto della stessa proposta... ma più vicino a casa.

venerdì 7 agosto 2020

Chi ha vitella in tavola non mangia cipolla

Quando uno pensa all'insalata di trippa, tre sono gli abbinamenti che vengono subito in mente: cipolla, sedano e carote. Ma non sempre c'è bisogno di cipolla, anzi maestro è chi riesce a preparare un piatto gustoso anche senza utilizzarla. Matteo Vita, giovane ristoratore che non ha paura di svincolarsi dagli schemi convenzionali, aggiunge quel tocco di originalità ai piatti della tradizione toscana e fiorentina serviti nel suo ristorante La pentola dell'oro - situato nel cuore di Firenze, in via di Mezzo, all'angolo con via dei Pepi - ed anche la sua proposta estiva di insalata di trippa testimonia la sua creatività. Come dice il proverbio toscano "Chi ha vitella in tavola non mangia cipolla".



Accompagnata da un buon bicchiere di vino rosso e da schiacciata calda fatta al momento (che ovviamente ho preferito al pane toscano) l'insalata mi è stata servita con gentilezza e professionalità e nonostante l'ambiente sia volutamente familiare, questo non ha giocato alcun ruolo neanche nella presentazione della portata, che agli occhi è stata subito di grande effetto, grazie anche alla spolverata di pepe a bordo piatto. Il punto forte di questa semplice ricetta - trippa cotta alla perfezione, carote, zucchini, sedano, pomodori, tutto tagliato a listerelle - è stato senza dubbio il condimento, una delicatissima emulsione di olio e capperi: una proposta insomma davvero fresca, nella quale il perfetto bilanciamento degli ingredienti di stagione fa sì che il gusto di nessun elemento si imponga sugli altri.