venerdì 30 maggio 2014

Doppietta di trippa a Londra

Doppietta di trippa ieri ed oggi a Londra: nel ristorante St. John - dove ormai mi possono considerare un cliente fisso - ho gustato una bella porzione di "braised tripe, turnips and bacon", ovvero trippa brasata con rape e pancetta. Lo chef Fergus Henderson, autore del libro "The complete nose to tail", ha insomma colpito nel segno ancora una volta. Accompagnata da un buon bicchiere di sidro bretone, si è trattato ieri di un vero trionfo dei sensi che ha pienamente giustificato, se chiedete a me, il bis di oggi a pranzo: trippa nella cuffia prima sapientemente rosolata quindi stufata con cipolla bianca, piccole rape e tocchi di morbida pancetta, il tutto appoggiato su una fetta di pane tostato.

martedì 27 maggio 2014

sabato 24 maggio 2014

Incontro ai vertici


Incontro storico stamattina a Firenze con Leonardo Romanelli in occasione della tre giorni dedicata a trippa e frattaglie "Visti da dentro", in pieno svolgimento sulle rive dell'Arno proprio di fronte a porta San Niccolò. Leonardo Romanelli, è giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo che vanta collaborazioni con le riviste "Slow Food" e "SloWine", con il notiziario "L'Informatore" della Unicoop Firenze, con il quotidiano "L'Unità" per la cronaca toscana. Dal 1998 è direttore della rivista "Gola Gioconda", bimestrale toscano di enogastronomia. Sul suo blog Romanelli alterna attività di informazione a ricette, degustazioni, commenti.

mercoledì 21 maggio 2014

Microfinanziamento in Sierra Leone

Salvaguardare e promuovere la tradizione della trippa significa anche impegnarsi attivamente in progetti che, in una maniera o nell'altra, hanno a che vedere con il quinto quarto; così dopo Kenya ed Uganda, questo mese facciamo scalo in Sierra Leone dove tramite Kiva ho microfinanziato un altro macellaio, di nome Kapr, alla ricerca di quattro milioni e mezzo di leoni sierraleonesi (la moneta locale equivalente a circa 760 euro) per l'acquisto di un capo di bestiame da macellare e rivendere nel suo negozio. Kiva è un'organizzazione non governativa statunitense che promuove microfinanziamenti in Paesi disagiati attraverso raccolta di fondi via Internet. Se siete interessati a contribuire a questa causa, vi invito a cliccare su questo link (il sito di Kiva è in inglese ed è necessario avere un acconto con PayPal). Questo ed i precedenti progetti finanziati con la vendita dei Quaderni li trovate come sempre su www.troppatrippa.com/kiva.

lunedì 19 maggio 2014

Visti da dentro

"Il divin quarto", "Belli dentro", "La frattaglia di casa", "Percorsi interiori": sono questi gli appuntamenti col quinto quarto che Confesercenti e Vetrina Toscana allestiranno questo fine settimana a Firenze per tutti gli appassionati della trippa, per i cultori del lampredotto e delle frattaglie in generale. La tre giorni "Visti da dentro" comincia la sera di venerdì 23 maggio, alle ore 18 in piazza Demidoff (zona Oltrarno), con l'inaugurazione dell'installazione di arte contemporanea nella vetrina della galleria concepita e realizzata da Cinzia Boggian. Sabato 24 sarà l'occasione per vedere all'opera gli alunni della scuola alberghiera Buontalenti con ricette a base di frattaglie. Il sabato e la domenica ci saranno i cuochi della grande cucina toscana, ma non mancheranno i piatti della tradizione eseguiti dagli amatori, da riproporre nella cucina di casa. La Toscana ha una lunga tradizione gastronomica legata alla trippa: la si può cucinare in mille modi e si può ancora gustare a modici prezzi per le strade delle città toscane. "Visti da dentro" permetterà di saperne di più anche sul mestiere del trippaio grazie all'intervento di Luca Cai, domenica alle 11.

mercoledì 14 maggio 2014

Frullatino di trippa, cipolle e aceto

Lyndon Boot, il trippaio stabile dello Hyde Market di Tameside, cittadina alla periferia di Manchester, in occasione della recente iniziativa "Love Your Market" ("Ama il tuo mercato") ha pensato bene di promuovere la sua attività proponendo ai clienti del suo chiosco "Let's Talk Tripe" un frullato di trippa. Questo tipo di frappé non è una novità ma il geniale trippaio inglese ha pensato bene di ingentilirlo con l'aggiunta di cipolla, aceto, sale e pepe, tutti ingredienti ben note agli acquirenti locali visto che si riallacciano alle tradizionali preparazioni di trippa e cipolle, e trippa condita con aceto come si gustava qualche decennio or sono negli oltre cento negozi della popolare catena United Cattle Products.

sabato 10 maggio 2014

Crescono le esportazioni di trippa dall'Australia

Il sito Beef Central ha pubblicato recentemente un rapporto sulla situazione delle esportazioni di trippa dall'Australia. Nei primi quattro mesi dell'anno, con 48.638 tonnellate, il commercio di frattaglie verso l'estero è aumentato del 17% rispetto allo stesso periodo del 2013 e la richiesta internazionale non accenna a diminuire. Il mercato coreano è quello principale con 8425 tonnellate (aumento del 21%), seguito da quello giapponese con 7500 tonnellate (aumento del 2%), e da Hong Kong con 7200 tonnellate di frattaglie di cui il 98% di trippa (aumento del 2%). Previsioni favorevoli quest'anno anche per le vendite verso l'Indonesia che ha da poco semplificato le norme di importazione ed ha visto aumentare dell'800% l'acquisto di frattaglie australiane.

martedì 6 maggio 2014

Non c'è trippa per gatti

Siete curiosi di sapere come è nato il popolare detto "Non c'è trippa per gatti"? Questo articolo su TroppaTrippa.com svela l'arcano.

lunedì 5 maggio 2014

Cinco de Mayo a tutto menudo

Se non avete mai assaggiato il menudo, la tipica zuppa di trippa alla messicana, il giorno perfetto è proprio oggi, il 5 di maggio, data in cui si festeggia "El Día de la Batalla de Puebla" del 1862. In Messico la festività ricorda il giorno della vittoria contro le truppe francesi nella battaglia di Puebla ed è una ricorrenza conosciuta oggi in tutto il mondo come "Cinco de Mayo". Inizialmente voluta dalla comunità messicano-statunitense della California per esaltare i temi di democrazia e libertà durante i primi anni della guerra di secessione americana, la ricorrenza viene oggi vista come una celebrazione dell'orgoglio messicano, anche se gli interessi commerciali hanno fatto sì che il "Cinco de Mayo" costituisca adesso anche una importante vetrina per la promozione di prodotti messicani, con un particolare occhio di riguardo per musica, bevande come birra e tequila, e cibo come tacos, tortillas e appunto menudo.