martedì 8 marzo 2011

Trippa alla mimosa

Nel fare gli auguri a tutte le mie lettrici per la ricorrenza dell'8 marzo, ne approfitto per segnalare una tanto curiosa quanto appropriata ricetta di trippa alla mimosa:


Un chilo di trippa nel rumine, mezzo chilo di patate gialle, due scalogni, due rametti di mimosa fiorita, un pizzico di miscela di erbe provenzali, mezzo litro di brodo, un bicchiere di vino bianco secco, olio extravergine di oliva, sale (quattro persone). Procurarsi alcuni ramoscelli di mimosa, possibilmente in una strada di campagna lontana dal traffico (non usare la mimosa in vendita dai fiorai che solitamente viene trattata con insetticidi). Staccarne gentilmente i fiori e sempre delicatamente lavarli ed asciugarli. Fare attenzione a rimuovere tutte le foglie, che non sono commestibili. In una padella capiente fare rosolare nell'olio gli scalogni tritati finemente con la miscela di erbe provenzali (timo, rosmarino, basilico, finocchio, salvia, maggiorana, menta, origano e santoreggia, ma le proporzioni e la composizione della miscela possono variare a seconda del produttore). Appena gli scalogni saranno diventati trasparenti, aggiungervi la trippa liscia, precedentemente lessata e tagliata a quadratini facendo rosolare il tutto per una decina di minuti. A questo punto unire i fiori di mimosa, sfumare con il vino bianco quindi aggiungere le patate tagliate a cubetti piccoli e coprire il tutto con il brodo. Aggiustare di sale e continuare la cottura a fuoco basso per circa venti minuti o fino a quando le patate non saranno tenere ma non sfatte. Guarnire la trippa con alcuni fiori di mimosa freschi prima di servire a tavola.

Nessun commento: