giovedì 30 dicembre 2010

Ravioli al lampredotto

Per il cenone di San Silvestro, cambiate menù quest'anno ed invece dei classici tortellini provate gli insoliti ravioli al lampredotto, acquistabili nel negozio di pasta fresca Le Ragazze, in via d'Ancona 65/rosso a Firenze. Buon appetito e buon 2011 a tutti gli appassionati di trippa!

domenica 26 dicembre 2010

Desperado lampredotto


Il cantante Gory Barlow impreziosice la prima puntata del Frank Catrame Show
cantando "Lampredotto" sulle note di "Desperado", il successo degli Eagle.

venerdì 24 dicembre 2010

Natalini con le trippe

Una ricetta natalizia che proviene dalla Liguria è quella dei natalini con le trippe, originariamente pubblicata sul blog Liguricettario, che ringrazio per l'autorizzazione. I natalini sono un tipo particolare di maccheroni ed il pastificio Moisello di Ceranesi è fra i pochi a produrre ancora questa pasta speciale di Natale. Ai lettori di Troppa Trippa blog buon Natale e buone feste!
Ingredienti per 4 persone: 500 grammi di pasta detta natalini (sorta di maccheroni lisci di semola di grano duro), un litro abbondante di brodo di carne (pregiato il cappone), mezzo chilo di trippa fatta andare in umido, 200 grammi di salsiccia, rigaglie, una manciata di pinoli italiani, 2-3 coste di cardo lessate (meno bene il sedano), parmigiano grattugiato, burro, olio extravergine ligure, sale quanto basta. Preparazione: 30 minuti circa. L'esecuzione prevede operazioni separate. Preparare il brodo e sgrassarlo. A parte le trippe in umido. Saltare la salsiccia (già a tocchetti e bucherellata) nell'olio con le rigaglie e pinoli. Saltare le coste di cardo già lessate nel burro. Quando il brodo bolle tuffarvi i natalini e, a metà della cottura, tutti i restanti ingredienti. Quando i natalini sono pronti, ben al dente, impiattare spolverizzando con abbondante parmigiano. Classico piatto natalizio ma talora povero, pasta secca e quinto quarto. L'abbinamento enologico suggerito è ad esempio un IGT Colline Savonesi Granaccia.

mercoledì 22 dicembre 2010

Trippa da Tiffany


"Trippa da Tiffany", una canzone di Massimo Presciutti con improvvisazioni al violino di  Jamie Marie Lazzara, realizzata a Firenze il 20 dicembre 2010.
© Massimo Presciutti, all rights reserved, S.I.A.E. Roma / ArsNY New York. Un ringraziamento ai trippai fiorentini che appaiono nel video: Trippa & Zampa di Paolo Borghi di via de' Neri, Roberto Marchetti di piazza dei Cimatori. Gli studi sui gatti e il paesaggio dell'Adda con particolare di un traghetto (1513) sono di Leonardo da Vinci.

martedì 14 dicembre 2010

Trippa gratis a Linzanico

La tradizionale minestra di trippa lombarda, la busecca, è un piatto tipico del periodo natalizio. Lo sanno bene i gestori del bed & breakfast Contrada Lunga del borgo di Linzanico, un'accogliente abitazione antica e sapientemente ristrutturata, situata a mezzacosta tra le vie strette ed acciottolate della piccola frazione di Abbadia Lariana, in provincia di Lecco, che sabato 18 dicembre, a cominciare dalle ore 19,30 distribuiranno gratuitamente la busecca, preparata secondo la ricetta locale, a chiunque si presenti presso di loro. Il lago di Como farà da splendida cornice a questa tradizione lombarda da festeggiarsi circondati da un inverno pieno di neve. "Dovete solo venire con la ciotola e il cucchiaio" - avvertono i gestori. "Siamo tipi aperti, ci piace accogliere chi ha voglia di trascorrere una serata con noi in allegria, festeggiando con trippa, vino, salami, dolci...". Uno sconto particolarissimo sarà poi praticato a chi volesse restare a dormire (camera doppia a 65 euro, colazione esclusa).

Una canzone d'altri tempi

Negli anni Trenta la casa discografica londinese Durium produceva dischi promozionali di cartone per grammofoni. Fra questi ne realizzarono anche uno per conto della United Cattle Products, il principale laboratorio britannico di lavorazione degli scarti di macelleria che contava centinaia di tripperie e ristoranti affiliati in tutto il Regno Unito. Rimando al sito di TroppaTrippa.com per l'articolo completo.

venerdì 10 dicembre 2010

Trippa e lampredotto a Jesi

Comincia oggi pomeriggio alle 18 e proseguirà fino a domenica "Stracibo", tre giornate da non perdere per gustare cibi sfiziosi per le strade del centro storico di Jesi (Ancona) con cuochi da tutta Italia che proporranno "cibi di strada" preparati al momento. L'appuntamento con questa kermesse organizzata dal Comune di Jesi è in piazza Federico II dal 10 al 12 dicembre 2010 (il venerdì dalle 18 alle 22.00, il sabato e la domenica dalle ore 12 alle 22). A rappresentare Firenze vi sarà il panino con lampredotto, il panino con la trippa e la trippa alla fiorentina servita da Leonardo Torrini, il trippaio di Gavinana; ma ci saranno anche olive all'ascolana e crema fritta (Ascoli Piceno), frittura di paranza ed alici in carpione (San Benedetto del Tronto), arrosticini abruzzesi (Corropoli), gnocco fritto ai salumi e tigelle al lardo (Modena), arancini, panelle e pani ca meusa (Siracusa), panzerotti pugliesi (Bari), würstel meranese con pane e senape, laugenrind con pane e senape, birra weizen bavarese (Merano). Il vino sarà a cura dell'Enoteca della Regione Marche. A "Stracibo" sono abbinati anche due laboratori gastronomici che si terranno presso il Teatro dei Profumi e dei Sapori al costo di 50 Euro: (venerdì 10 dalle ore 18.30 alle 22) "Gli arancini dell'Imperatore" a cura di Lucia Mazzullo, (domenica 12 dalle ore 16 alle 19) "Il cibo di strada dall'Oriente all'Occidente" a cura di Antonio Tubelli.

sabato 4 dicembre 2010

Trippa e birra australiana

Una recente pubblicità dell'agenzia australiana Host Sydney per la storica birra James Squire che recita: "Ai tempi di James Squire, cuore, lingua, cervello, cavolini di Bruxelles e trippa abbondavano. Ma almeno si beveva bene". James Squire (1754-1822), giunse in Australia deportato come criminale: fu il primo ad introdurre la coltivazione di luppolo e nel 1798 a fondare una birreria commerciale.

mercoledì 1 dicembre 2010

Trippa e fagioli ad Albanella

L’antico borgo di Albanella, in provincia di Salerno, celebra l’oro verde con una sagra giunta alla diciassettesima edizione, che si terrà il 4 e 5 dicembre nel centro storico organizzata dalla Pro Loco. L’evento, denominato “Giornata promozionale dell'olio extravergine d'oliva”, ormai già ben ancorato nel territorio della provincia campana, oltre a valorizzare l’olio, sarà caratterizzato da un percorso suggestivo, per riportare in auge momenti di tradizione contadina: taverne allestite lungo tutto il centro storico, esposizioni artigianali, vendita di prodotti tipici agroalimentari. Si potranno gustare piatti come trippa e fagioli, lagane e ceci, pizza cilentana, soffritto, cicoria e patate, broccoli e salsiccia, sfrionza, ed ancora spaghetti aglio e olio, porchetta, acqua sala, vicci fritti e dolci tipici cilentani. Ovviamente non mancherà il buon vino locale, mentre l’Istituto Alberghiero Aldo Moro cucinerà per i visitatori asado e patate sfricinate. Il tutto immerso nelle melodie di un’evocativa musica folk.