martedì 27 luglio 2010

Mafaldine al ragù di lampredotto

Ecco un'altra gustosa preparazione, sempre tratta dall'ottimo blog IdeeRicette.it. Come ammette la stessa cuoca Daniela, anche se ormai fa caldo e non è proprio tempo per di ragù, si tratta di un primo piatto dal sapore delicatissimo. E con questo ragù di lampredotto è possibile non solo condirci la pasta ma anche preparare degli sfiziosi crostini:

Ingredienti per 3-4 persone: 400 grammi di mafaldine o reginette, 500 grammi di lampredotto, aceto bianco, 1 cipolla, 1 carota, sedano, pomodoro passato, polpa di pomodoro, peperoncino. Preparate gli odori, puliteli e lavateli. Fate un bel trito con l'aiuto del mixer e mettetelo ad appassire con olio e un filino di acqua in un tegame di coccio. Nel frattempo lavate il lampredotto in acqua e un po' di aceto bianco. Sciacquate il lampredotto sotto acqua corrente e mettetelo su un tagliere. Con un coltello tagliate il lampredotto a striscioline della grandezza desiderata (al massimo due centimetri di larghezza). Fate finire di appassire il trito di odori quindi aggiungete il lampredotto tagliato a pezzetti. Far cuocere il lampredotto con gli odori per circa 15 minuti. Aggiungete quindi la passata e la polpa di pomodoro (in quantità variabile dipendente dal vostro gusto), aggiungete un pizzico di peperoncino e regolate di sale. Mescolate aggiungendo, se necessario, altro pomodoro per avere un sughetto denso ma non troppo. Aggiungete acqua tiepida per portare il ragù a cottura e fate cuocere a fiamma moderata per circa 1 ora o comunque fino a che è cotto. A me fa gola anche solo a vederlo inquadrato da vicino! Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e saltatela nel tegame con il ragù di lampredotto. Impiattate e servite! Buon appetito! Se preferite potete tagliare il lampredotto ancora più finemente in modo che assomigli ancora di più ad un ragù... magari per ingannare l'occhio di coloro che non tollerano la vista del lampredotto ma ne apprezzano il sapore! Mi raccomando, accompagnare con un buon vino!

Nessun commento: